Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano. Articolo 21 censura la politica "asfaltatrice" di Papasso e C.

libro declinazioni.jpgCrediamo siano passati 7 o 8 anni da quando citammo per la prima volta la frase famosa  "Asfaltar no es gubernar" dello scrittore spagnolo antifranchista Salvador de Madariaga, volendo dire che l'ordinaria amministrazione, quando pure viene garantita non é sufficiente, governare é una faccenda di più ampio respiro ideale e culturale, si basa, soprattutto, su una programmazione oculata della spesa in funzione di una visione di crescita economica e sociale del territorio. (Agli  amministratori consigliamo la lettura del libro nella foto) Costruire immobili inutili  senza avere neanche la più pallida idea di come si dovranno gestire e pagare poi, é agire come certe famiglie che di punto in bianco decidono di cambiare la mobilia di casa comprandola a rate contando sull'eredità di un anziano parente, che risulterà più tardi aver speso tutto in vita. Sicuramente il sindaco obietterà che é una prassi, questa, già adottata da altri, quindi é quasi una regola. Cioé a dire "lo fan tutti, lo faccio anch'io". Sarebbe la stessa giustificazione adottata da certi ladroni dal colletto bianco, quando vengono pescati con le dita nella marmellata. Intanto comunichiamo ai nostri lettori che abbiamo finalmente ricevuto una copia del "bilancio di previsione" del Comune di Cassano, che avrebbe dovuto essere approvato ierisera, ci riserviamo dopo averlo sottoposto ai nostri amici esperti dispersi sul territorio nazionale, di formulare le nostre valutazioni, sempre in termini tecnici ma comprensibili, per aiutare i cittadini a capire cosa avviene nel comune sul versante finanziario. (A.M.Cavallaro)

**************

LA CORTE DEI CONTI RILEVA CHE A CASSANO OGGI SI SPENDE SULLE IPOTESI DI QUELLO CHE UN DOMANI FORSE SI INCASSERA’.

PER LA SERIE ‘’IL LUPO NON PERDE IL PELO E SI TIENE ANCHE IL VIZIO.’’

È questo quello che si evince dalla deliberazione della Corte dei Conti di cui si prenderà atto staserà in Consiglio Comunale.

Un documento, che segue altri atti similari della stessa Corte, in cui i magistrati contabili analizzano i rendiconti degli ultimi anni delle amministrazioni Papasso e, con i loro rilievi, purtroppo non lasciano spazio ad interpretazioni o equivoci.

Ora come in quei lontani anni ‘80, da diligenti scolari che seguono alla lettera gli insegnamenti del maestro, si ripropongono le stesse dissennate politiche di lavori pubblici che comportarono le nefaste ben note conseguenze sui bilanci comunali.

Dalla deliberazione si evince chiaramente che l’Ente Comune di Cassano non gode di una buona salute finanziaria e ci si sofferma su alcuni aspetti molto circostanziati, come la crescita esponenziale dei residui attivi che ammontano fino al 2022 a ben 43 milioni di euro, al ricorrere con frequenza ai debiti fuori bilancio come strumento ordinario di pagamento, alla scarsa capacità di programmazione degli investimenti.

In particolare sulla montagna di residui attivi in aumento di anno in anno, la cui corretta gestione è importante per la salute dell’ente - i residui attivi rappresentano infatti dei crediti accertati che il Comune vanta nei confronti di terzi, e quindi delle potenziali entrate per le casse comunali che vanno poi a finanziare le uscite - i magistrati sollevano fortissimi dubbi sulla loro esigibilità, perché molto vecchi ed appunto non più esigibili.

È chiaro che tale dato, vizia di fatto l’attendibilità dei bilanci passati e di quello che ci si accinge ad approvare oggi, perché la spesa è stata calcolata facendo riferimento a delle entrate che con ogni probabilità non saranno mai effettivamente nelle casse.

La situazione è ancora più grave se si considera che non è la prima volta che la magistratura contabile solleva questi rilievi che interessano appunto ormai i rendiconti di svariati anni finanziari; ciò sta ad indicare un andazzo storicizzato nei conti del Comune alquanto allegro, spendaccione e senza alcuna programmazione.

Addirittura la Corte stigmatizza oltre all’uso improprio dei debiti fuori bilancio, anche che tale dato non deriva da sentenze esecutive, disavanzi o altro, ma dall’acquisizione di beni e servizi senza impegno di spesa a testimonianza della scarsa capacità dell’Ente di stimare finanche la spesa corrente.

Dall’analisi fornita nel documento, oltre al dato allarmante sui conti pubblici, viene fuori anche un dato politico pesantemente negativo sulla capacità dell’attuale classe dirigente di Amministrare la cosa pubblica.

Quello che stupisce maggiormente è che davanti ad un complesso scenario del genere – sia ben chiaro non parliamo di predissesto o altro, in quanto non ne abbiamo le competenze per farlo – che di certo rileva gravissime patologie di cui è afflitta la salute finanziaria dell’Ente, chi amministra da oltre dieci anni la città ed è responsabile di questo stato di cose, proprio in questi ultimi giorni, impassibile procede con freddezza e determinazione ad assolvere al meglio al suo ruolo di “Sindaco asfaltatore”.

Davanti ai numeri impietosi di cui dibatte da giorni la comunità politica cassanese, e ne dibatterà in maniera ufficiale il Consiglio Comunale di stasera, il Sindaco incurante di ciò annuncia la costruzione di un palazzetto dello sport finanziato con un altro mutuo di oltre un milione di euro di cui la prima rata si pagherà solo fra un anno e mezzo (praticamente questa amministrazione decide e spende e la successiva invece sarà chiamata a pagare le rate), all’insegna dell’allegria dopo aver speso nell’anno 2023 centinaia e centinaia di migliaia di euro si annunciano ancora feste di paese con artisti famosi per oltre 20.000 €, e nuovi lavori di bitumazione, di cui finora si è fornito solo un assaggio (testuali parole degli amministratori) per ben oltre 2.500.000 € che verranno quest’ultimi finanziati con gli introiti che forse se tutto va bene un domani l’Ente incasserà dalle sanzioni stradali in seguito all’installazione di altri nuovi autovelox.

Per non farsi mancare nulla ricorda anche agli elettori cassanesi che di nuovo per quest’anno i tributi sono rimasti invariati e non graveranno maggiormente sulle loro tasche, ma dimentica però di dire che gli stessi tributi non sono stati aumentati solo perché le aliquote sono già al massimo da anni.

Onestamente, questo atteggiamento arrogante, impavido e che non mostra tentennamenti di chi amministra ci preoccupa  tantissimo: a rigor di logica ciò ci porta a pensare o che gli Amministratori sono certi dell’assoluta bontà del loro operato e del buono stato di salute dei conti pubblici (dei veri e propri statisti) - e quindi i magistrati della Corte dei Conti, chissà forse anche loro un po’ invidiosi, hanno preso un grosso abbaglio - oppure siamo davanti a uomini cinicamente irresponsabili che ignorano completamente le conseguenze delle loro azioni e non hanno minimamente a cuore gli interessi della comunità.

Per questo ci rivolgiamo a tutti i consiglieri comunali che supportano questa Amministrazione comunale e chiediamo loro un vero atto di amore verso la gente che li ha eletti: non si pretende che mettano in dubbio l’operato di questa loro amministrazione – verso cui è pur vero che noi da sempre nutriamo fortissimi dubbi – ma si fermino solo per un attimo a riflettere ed a capire o farsi spiegare da persone di loro fiducia come realmente stanno i conti pubblici del Comune.

Domani purtroppo sarà troppo tardi, ed anche loro si troveranno ad essere “inconsapevolmente” responsabili difronte alla città ad un altro disastro finanziario.

articolo 21Associazione politico-culturale ArticoloVENTUNO.

Ultime Notizie

LA MENTALITA’ MAFIOSA RIFLESSIONI: La mafia per attecchire ha bisogno di eliminare chi la combatte, di ridurre al silenzio chi parla, di...
Svelato il logo del Museo Alessandrino delle Maschere che mercoledì 1° Maggio dischiuderà le proprie porte rivelando la ricca collezione...
In fase di ultimazione nell'ambito del Bando dei borghi, il sentiero Arcobaleno, ubicato nella parte collinare di Eianina, utile per...
(Foto: Pasquale Tridico) Un’incertezza fissa accomuna il ponte sullo Stretto e l’Alta velocità ferroviaria per la Calabria, che ancora non ha...
Ieri sera intorno alle 21,40 circa un boato ha scosso la quiete di Marina di Sibari. Alcuni amici stavano cenando...

Please publish modules in offcanvas position.