Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Trebisacce. Il Notaro Andrea Pinelli nel 1651 redigeva atti per il Marchese Serra di Cassano

giovan_francesco_serra.jpgNella selva di foto di documenti scattate da me nell'immenso archivio della Famiglia Serra Cassano sito in Napoli, ieri, nel tentativo di decifrare il documento notarile col quale il giovane feudatario Gianfrancesco Serra (Nella foto a lato), dopo aver fondato la "universitas" di Doria o Orria, assegnò al primo parroco nominato da mons. Gregorio Carafa, una prebenda annuale per il suo sostentamento da prelevare dai suoi beni personali, ho rilevato che il Notaro di fiducia del marchese era di Trebisacce e si chiamava Andrea PINELLI. Il documento é una copia dell'atto originale, che rimase probabilmente nell'archivio del notaio, e fu trascritto contemporaneamente a uso del richiedente Marchese. Può sembrare una notizia marginale, ma mi ha dato lo spunto per alcune osservazioni. Intanto nel XVII° sec. Trebisacce doveva essere solo il borgo che ancora resiste sullo sperone roccioso definito "Bastione" con la cinta muraria abbastanza integra e con la marina non molto sviluppata se non per qualche struttura utilizzata dai pescatori, eppure vi era lo studio di un notaio sicuramente degno di stima da parte del nobile cassanese e che doveva serviva tutto il circondario. Sfogliando quelle sei pagine sul PC, immaginavo come doveva svolgersi il viaggio da Cassano a Trebisaccia (così viene nominata la cittadina sul documento) o viceversa, (con molte probabilità era il notaro a recarsi dal marchese). Dove era ubicata la strada sterrata per raggiungere Villapiana prima, poi Francavilla, il palazzo della Buffaloria (odierna Sibari) e infine Cassano o Doria (esistente solo da un paio di decenni)?

Sarebbe interessante poter ripercorrere quell'itinerario a piedi, col calessino provvisto di mantice o a dorso d'asino. Qualcuno a Trebisacce sicuramente saprà da dove passava quella antica strada e vedrò di elaborare con l'aiuto di qualche amico di buona volontà una mappa attendibile. Sono sicuro che riceverò la dritta. Intanto, giusto per iniziare un discorso che avrei intenzione di continuare, invito gli amici di Trebisacce e dell'antica "Casalnuovo" (Villapiana) che possono darmi delle indicazioni o riferimenti bibliografici, di farsi avanti. Cominciamo a fare turismo vero? Che ne dite? Quello balneare é già abbastanza attivo. Aspetto con ansia. Nelle foto che propongo all'attenzione dei lettori vi é la pagina del testo del documento dove appare chiaramente il nome del notaio e l'ultima nella quale  si trova la firma di autentica.

Antonio Michele Cavallaro

 

serra_cassano2 014 Doria - prete.jpg

 

 

serra firma e timbro.png

Ultime Notizie

Prima di cominciare la lettura è opportuno leggere il precedente articolo sull'argomento CLICCANDO QUI'. Cominciamo il lungo elenco degli assenti dalla...
La ex-senatrice del M5S Rosa Silvana ABATE, anche dopo l'abbandono del movimento pentastellato, continua a fare, lodevolmente e con...
Le Riserve del Lago di Tarsia e della Foce del fiume Crati e la Lega Navale Italiana – Sezione Laghi...
La Costituzione pone il valore della persona umana quale comune denominatore dei 139 articoli che compongono la legge fondamentale dello...
Rispetto per le sentenze del Consiglio di Stato. E per la nostra Salute Il 15 aprile la Regione Calabria mette nero...

Please publish modules in offcanvas position.