Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Corso per Cacciatori di Cinghiali a Roggiano

caccia.jpgTerminato ieri a Roggiano Gravina presso la Biblioteca Comunale il “Corso per cacciatori finalizzati ad una valutazione dei rischi sanitari dopo l’abbattimento e alla presenza della TBC nei cinghiali” . Più di 300 sono stati i cacciatori dell’ ATC CS1 che hanno preso parte al Corso, voluto fortemente dall’ ATC CS1 e dall’ ASP Servizio Veterinario Area B Cosenza.

<< Il cinghiale rappresenta forse la specie selvatica più problematica dal punto di vista sanitario nell’interfaccia tra animali domestici e fauna, sia a causa della sua recettività a diverse infezioni importanti, sia a causa della sua abbondante, quando non sovrabbondante, diffusione >> ha dichiarato il dott. Sandro Stancati Coordinatore Attività Venatoria Selvaggina Cacciata

ASP di Cosenza Servizi Veterinari area “B”

Un segnale semplice, concreto e visibile, che ha visto l’ATC e i cacciatori, il raggiungere un obiettivo comune e condiviso, che ha dato all’attività venatoria, dignità e rappresentanza, e rinnovato futuro, basato sulla serietà delle proposte , sul dialogo, sulla difesa e valorizzazione del territorio , dell’ambiente e di tutta la fauna, cacciabile , che fa del territorio Calabrese, anche grazie alla gestione venatoria , un incommensurabile scrigno di biodiversità.

Perché solo così – ha dichiarato l’Assessore Comunale Marsico , il cacciatore guidato dalla scienza e dalle linee di indirizzo a vario livello, potrà essere orgoglioso delle sue origini e delle sue tradizioni e avere un domani importante , che lo veda partecipe e protagonista di una caccia sostenibile, gratificante e percepita da tutta la società per quello che è: risorsa e non problema, per dare finalmente una dimensione che ci collochi in futuro all’avanguardia, acquisendo attraverso un percorso di conoscenza scientifica le reali competenze, e proiettare il ruolo dell’Ambito Venatorio sempre all’avanguardia, rispondere alle tante e giuste domande dei cacciatori e spiegare ancora più dettagliatamente la strada che convintamente è stata imboccata insieme per raggiungere attraverso proposte serie e sostenibili, il dialogo con tutte le parti mosse dalla stessa sincera voglia di collaborazione e apertura mentale, senza nascondersi dietro ideologie e slogan, per recuperare il tempo perduto.

Un grazie dunque – ha concluso il presidente ATC CS1 Fausto D’Elia, a tutti i cacciatori, a dimostrazione di un concreto interesse e di una voglia di partecipazione concreta aperta al domani, con i piedi ben piantati in terra imparando dalle esperienze di ieri, valorizzando quello che c’è di buono e aggiornando, senza dimenticare nessuna, le tradizioni e i valori che da sempre guidano la caccia, per un rilancio di una attività che con i suoi risvolti economici, gestionali e sociali rappresenta un valore assoluto per tutta la Calabria.

Anton Luca De Salvo

Ultime Notizie

La notizia che il referendum su cui gli elettori svizzeri dovevano esprimere il loro parere interessa moltinostri corregionali calabresi che...
Oggi vediamo come preparare un piatto unico saporito, la parmigiana di finocchi. Questa ricetta di presta a essere preparata in...
Il Comune di Frascineto sempre più green, da quattro anni è tra i comuni più virtuosi della Calabria. Anche per...
In occasione delle tradizionale Vallije di Frascineto, in cui si rievoca l'eroe Giorgio Castriota Scanderbeg, condottiero, patriota e principe albanese...
E' giunto ieri in redazione il comunicato del Movimento Articolo 21 in cui si tratta delle ingerenze della politica nelle...

Please publish modules in offcanvas position.