Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

BCC MedioCrati. La Melagrana d'Argento a Ottavio CAVALCANTI

foto Cavalcanti.jpg(foto: a sin. il prof. Cavalcanti col pres. Paldino) La BCC Mediocrati ha assegnato il premio “La Melagrana d’Argento 2022”, destinato a chi opera a vantaggio della crescita collettiva, assicurando il proprio contributo alla costruzione di una rete invisibile fatta di conoscenza, relazioni, servizi e opportunità che costituiscono la base della coesione sociale di ogni territorio.

La denominazione “Melagrana d’Argento” accomuna il simbolo del Credito Cooperativo alla metafora dei grani che, insieme, sono un unico frutto, ricco di colore e di succo.

In occasione della tredicesima edizione, il CdA della Banca ha deciso di attribuire il premio al Prof. Ottavio Cavalcalti, già ordinario di storia delle tradizioni popolari presso l’Unical.

Questa la motivazione, letta dal presidente Nicola Paldino:

“Il prof. Ottavio Cavalcanti è stato presidente dei Corsi di laurea in Storia (triennale) e Scienze Storiche (specialistica), ha effettuato ricerche in Italia e all’estero i cui risultati sono confluiti in libri e documentari scientifici, realizzati con l’équipe del Centro interdipartimentale di documentazione demoantropologica dello stesso Ateneo, da lui diretto per circa un ventennio.

Numerosissime le sue partecipazioni a conferenze, congressi e convegni, in moltissimi Paesi del Mondo. Si è spesso occupato di alimentazione scrivendo saggi e ricettari che fanno onore al patrimonio culturale della tradizione calabrese.

Nella sua attività ha studiato, approfondito e valorizzato la cultura di quei contadini ed artigiani che hanno generato le Casse Rurali e poi Artigiane che hanno dato vita alle attuali BCC.

Assegniamo la Melagrana d’Argento al prof. Ottavio Cavalcanti, dopo una lunga e autorevole carriera accademica, per la portata dei suoi studi sulle conoscenze tradizionali della gente di Calabria, per lo spessore del confronto con le altre culture e per la capacità di analisi che hanno consentito di dimostrare che il sapere degli artigiani e contadini calabresi ha spesso avuto un valore fuori dal comune.

La sua ampia produzione editoriale, sia cartacea che audiovisiva, resterà per sempre a ricordo del suo apporto alla conoscenza della Calabria e dei Calabresi”.

Rende, 11 maggio 2022

I precedenti premiati:

2010: Aldo Stancati, presidente Federimpresa;

2011: Rosanna Macchia Piemonte, fondatrice ASIT;

2012: Mons. Salvatore Nunnari, arcivescovo di Cosenza;

2013: Luigi Intrieri, storico;

2014: Giuseppe Falcone, ex consigliere della Corte di Cassazione;

2015: Mario Bozzo, presidente Fondazione Carical;

2016: Francesco Smurra, ex senatore della Repubblica.

2017: Renato Pastore, amministratore delegato Gruppo Sirfin

2018: Vittorio Giuliani, imprenditore impegnato nel settore del legno-arredo

2019: Mons. Francesco Savino, vescovo di Cassano allo Jonio

2020: Raffaele Bruno, primario di malattie infettive al Policlinico San Matteo di Pavia

2021: Alfonso Guido, responsabile area di governo chief cost management officer di Intesa Sanpaolo

Ultime Notizie

Venerdì 5 luglio alle 21:30, nei saloni dell'Hotel Villa Angela, a Forio d'Ischia (località Panza). Ci sarà la presentazione dell'opera...
L’associazione ArticoloVENTUNO con Francesco Paternostro ed Antonello Avena, negli ultimi giorni ha inteso incontrare i cittadini residenti nel Centro storico...
LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO IL SEME È LA PAROLA DI DIO Gesù oggi paragona il Regno di Dio, cioè la sua...
Di seguito le dichiarazioni del consigliere regionale e capogruppo del Movimento 5 Stelle, Davide Tavernise. Consiglieri a Co-Ro e Crosia e...
RISPOLVERIAMO UN PO’ DI STORIA: DA IERI AD OGGI. Il passaggio da trascinatore a trascinato. L’impegno e la...

Please publish modules in offcanvas position.