Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Vangelo di domenica 26 Febbraio 2023

gesu tentato.jpgVangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 4,1-11

In quel tempo 1 Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. 2Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. 3Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di' che queste pietre diventino pane». 4Ma egli rispose: «Sta scritto:

Non di solo pane vivrà l'uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio
».

5Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio 6e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti:

Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo
ed essi ti porteranno sulle loro mani
perché il tuo piede non inciampi in una pietra
».

7Gesù gli rispose: «Sta scritto anche:

Non metterai alla prova il Signore Dio tuo».

8Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria 9e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». 10Allora Gesù gli rispose: «Vattene, Satana! Sta scritto infatti:

Il Signore, Dio tuo, adorerai:
a lui solo renderai culto
».

11Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco, degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano.

Commento di don Michele Munno

I Domenica di Quaresima – A

(Is 49,14-15; Sal 61; 1Cor 4,1-5; Mt 6,24-34)

In questa prima tappa domenicale del nostro cammino di Quaresima, la liturgia ci invita a prendere atto che il tentatore e la tentazione sempre fanno capolino nella nostra vita e assediano il nostro cuore (“Il peccato è accovacciato alla tua porta, verso di te è il suo istinto, ma tu dominalo”): prenderne atto è il primo passo verso la “guarigione”!

La pagina della Genesi, che prepara ad ascoltare il racconto evangelico, ci presenta il testo del “peccato delle origini”. Eva e Adamo si lasciano sedurre dalle lusinghe del serpente che, distorcendo la Parola di Dio, insinua nel loro cuore quel dubbio terribile che si potrebbe esemplificare così: Dio non vuole il vostro bene, non vi vuole bene, non vi ama! Dio è nemico della vostra felicità! Adamo ed Eva sembrano avere la memoria corta, sembrano dimenticare subito la loro origine, la premura di Colui che tutto aveva creato per la felicità dell’uomo e della donna e disobbediscono alla Parola di Dio! Ecco il peccato delle origini, che San Paolo definisce “disobbedienza” e che si riverbera in ogni nostro peccato ... e ogni peccato, che inizialmente ci affascina e ci attrae, che ci seduce e ci fa promesse illusorie, in definitiva ci porta ad essere sempre meno umani, a lacerare la nostra relazione fondamentale con Dio e il nostro rapporto con gli altri, ci disumanizza

Anche Gesù, subito dopo aver preso consapevolezza del proprio essere “Il Figlio di Dio”, si trova ad affrontare il tentatore e la tentazione. La tentazione si presenta quando Gesù inizia a sperimentare un bisogno (la fame) e il tentatore suggerisce a Gesù di soddisfare il proprio bisogno piegando la realtà in funzione di se stesso (trasformare le pietre in pane)! Anche noi siamo tentati e spesso cediamo alla tentazione di piegare le cose e le persone ai nostri bisogni, ai nostri istinti! La risposta che Gesù dà al tentatore ci aiuta a prendere consapevolezza che non viviamo solo di istinti e di bisogni e che l’Unico che può soddisfare pienamente l’insaziabile desiderio del nostro cuore è solo Dio, è solo la Sua Parola!

Non solo le cose e le persone, ma anche Dio: il tentatore ci porta a stravolgere non soltanto il rapporto con il creato e le creature, ma anche con il Creatore! Ci porta ad essere ciechi e a vivere il nostro rapporto con Dio piegandolo a noi stessi e al nostro desiderio di “superpotenza”! “Dio deve fare ciò che io gli chiedo”: è la dinamica della seconda tentazione, a cui Gesù risponde ricordando che Dio non va messo alla prova, Dio si prende cura di noi ... mai si dimentica di noi e noi dobbiamo obbedire alla Sua Parola, che è per la nostra salvezza, per il nostro bene!

A volte può capitare di soddisfare l’insoddisfazione che abbiamo nel cuore attraverso il possesso, annebbiati dall’idea che più abbiamo più siamo al sicuro, più siamo forti, più siamo potenti, più siamo “come Dio”! E questa bramosia dell’avere si traduce in “adorazione del diavolo”: arriviamo a sacrificare tutto pensando di poter possedere tutto, ma in definitiva perdiamo tutto ... e perdiamo noi stessi! Gesù risponde rimandandoci al primo comandamento: “Non avrai altro Dio all’infuori di me”, “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”! Dio solo, infatti, solo il Suo Amore, Lui solo che si prende cura di noi, può davvero soddisfare l’insoddisfazione del nostro cuore!

Al tentatore, che sempre si presenta nella nostra vita, soprattutto nei momenti in cui siamo più fragili e vulnerabili, dobbiamo imparare a rispondere come Gesù: sono figlio di Dio, Egli è mio padre, si prende cura di me, nella sua volontà, anche se a volte può capitare di non comprenderla o che sia poco attraente, è la mia vera felicità e il mio vero bene! Amen.

Ultime Notizie

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO: CHI È DUNQUE COSTUI?La barca su cui i discepoli attraversano il lago è assalita dal...
“Le Notti dello Statere” taglia il traguardo dei 20 anni - Sabato 29 giugno ai Laghi di Sibari la grande...
Francesca Bergesio, 19 anni, eletta Miss Italia a Salsomaggiore Terme, dove il concorso è tornato dopo 13 anni, è nata...
A meno di una settimana, il riconfermato sindaco di Frascineto, Angelo Catapano, assegna le deleghe: la conferma per Angelo Prioli,...
Dal 21 al 25 agosto 2024 in LillestrØm, Norvegia si svolgerà il seminario “Youth Crime in Europe”. Il seminario avrà...

Please publish modules in offcanvas position.