Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano. Incendio in discarica: allarme inquinamento

discarica in fiamme1.jpgIl nefasto incendio della discarica in contrada Silva di Cassano Ionio non può essere equiparato agli incendi che hanno colpito i nostri territori danneggiando la macchia mediterranea. Il rogo in discarica é un evento molto più grave in quanto i fumi sprigionati sono molto piu nocivi e pericolosi per l'incolumità dei cittadini rispetto alle seppur terribili conseguenze provocate dalle fiamme che stanno divorando il nostro territorio in questi giorni. Il sindaco va in giro a presenziare dove si parla di "legalità" e a ricevere premi  Per il Suo dinamico impegno a valorizzare il patrimonio Archeologico e Ambientale di Sibari" (sic), mentre proprio lui in primis dovrebbe adoperarsi allo spasimo, invece, per far chiudere la discarica e provvedere alla salute dei cittadini, come in tante occasioni ha proclamato di voler fare. Ma conosciamo bene le sue attitudini affabulatorie e non ci meravigliamo più. Facciamo nostro il monito che il vescovo di Acerra e presidente della conferenza episcopale campana, monsignor Antonio Di Donna ha lanciato agli amministratori ed ai cittadini di quel comune a proposito dell'ingrandimento di un inceneritore già presente, che giriamo ai nostri baldi amministratori: «Una parola decisa a chi ha in questo momento la responsabilità di amministrare e difendere gli interessi di questa città, abbandonate la recita di un copione già scritto, non allungate l'elenco di chi per troppo tempo ha lasciato che questo territorio diventasse preda di chi ne aveva decretato il destino di pattumiera (Frasca e poi tutti gli altri n.d.r.) Cari amministratori di Acerra (per noi Cassano) governate sentendo sulla coscienza il peso delle vostre decisioni, anche a rischio dell'emarginazione e ricordate che i voti, per quanto numerosi, sono un attestato di fiducia con l'impegno serio in difesa della vita e della salute di tutti e nient'altro". - rivolgendosi poi ai cittadini - "Svegliati Acerra (per noi Cassano)! Non ti accontentare dei piccolo vantaggi personali. Non cedere e credere a promesse che non superano l'orticello della propria famiglia e degli amici, ma che sacrificano il bene comune, soprattutto lasciati coinvolgere nell'impegno di cittadinaza da protagonisti e non da sudditi" di un padrone falso e bugliardo. (La redazione)

 Di seguito il comunicato giunto in redazione dal Comitato anti-discarica.

Per la seconda volta nell’arco di un mese la discarica “La Silva” sita nel comune di Cassano Allo Ionio è stata oggetto di un pauroso incendio, ma se nel primo episodio il rogo è stato domato nell’arco di qualche ora, adesso la situazione è ben più grave della precedente in quanto le elevate temperature rilevate in questi giorni (ben oltre i 40°) hanno innescato un incendio di vaste proporzioni che si sta protraendo da oltre 24 ore e che purtroppo andrà avanti chissà per quanto tempo ancora. A nostro modesto parere i mezzi utilizzati risultano essere praticamente inadeguati a fronteggiare una rapida soluzione alla improvvisa situazione di emergenza ove i vigili del fuoco, allertati tardivamente e già impegnati in questi giorni in altri focolai sparsi in tutta la nostra ahimè martoriata regione, con enorme fatica e dispendio di energie stanno tentando di avere ragione delle fiamme che si insinuano nelle profondità e nelle viscere della discarica. La nube probabilmente tossica che sta investendo gran parte del nostro territorio per il momento si sta dirigendo verso Est interessando i comuni di Villapiana Trebisacce e Francavilla Marittima, mentre la zona nord di Cassano risulta essere fortunatamente risparmiata dai fumi che si sprigionano dal materiale in combustione abbancato negli anni. Ci chiediamo quali danni le sostanze nocive liberate nell’aria possano arrecare alla salute delle persone che vivono nei dintorni e che stanno ammorbando e contaminando l’atmosfera da qui nei giorni a venire in una zona quale la Sibaritide nota per le sue bellezze paesaggistiche e naturali e già teatro di un’agricoltura fiorente ed all’avanguardia, fortemente competitiva nei mercati europei ma che purtroppo registra a tutt’oggi nella popolazione elevati casi di malattie neoplastiche in continuo aumento e temiamo che con questo nuovo e terribile evento non potrebbero altro che tristemente incrementare. Alla luce del recente e tremendo episodio che ha investito ieri la discarica i cui effetti tuttora perdurano, si chiede ancora una volta alle autorità a ciò preposte, dopo gli innumerevoli appelli rimasti del tutto inascoltati negli anni passati, l’immediata chiusura della stessa e la sua bonifica suggerendo alle medesime, data la gran fatica dei pompieri, a cui va tutto il nostro encomio ed apprezzamento nella loro opera di spegnimento ed elevata esposizione a quei fumi nauseabondi e sperabilmente con nessuna conseguenza futura negativa per la loro salute, ad una istantanea e subitanea tombatura della Silva come avvenuto nel 1986 con Chernobyl dove una nube tossica innescata da un incidente nella centrale ucraina si è diradata nel resto dell’Europa portando distruzione e morte nell’allora Unione Sovietica ed un sensibile aumento di ogni patologia tumorale che ha colpito indistintamente ogni strato della popolazione residente delle zone limitrofe non tenendo in nessuna considerazione qualsiasi differenza etnica o geografica.

Comitato Anti Discarica

Ultime Notizie

Prima di cominciare la lettura è opportuno leggere il precedente articolo sull'argomento CLICCANDO QUI'. Cominciamo il lungo elenco degli assenti dalla...
La ex-senatrice del M5S Rosa Silvana ABATE, anche dopo l'abbandono del movimento pentastellato, continua a fare, lodevolmente e con...
Le Riserve del Lago di Tarsia e della Foce del fiume Crati e la Lega Navale Italiana – Sezione Laghi...
La Costituzione pone il valore della persona umana quale comune denominatore dei 139 articoli che compongono la legge fondamentale dello...
Rispetto per le sentenze del Consiglio di Stato. E per la nostra Salute Il 15 aprile la Regione Calabria mette nero...

Please publish modules in offcanvas position.