Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Perché i migranti musulmani non vanno nei ricchi Paesi Arabi

ahmed-aboul-gheit.jpgE' la domanda che lo scorso mese di agosto è stata posta da una giornalista cinese ad Ahmed Aboul Gheit, presidente della Lega Araba (nella foto a lato)una domanda che ci siamo posti spesso anche noi, visto che la maggior parte di coloro che chiedono asilo sono di religione musulmana. L'intervista è stata pubblicata sul quotidiano on-line svizzero LES OBSERVATEURS.CH, in lingua francese, vi invitiamo a leggere l'intera nota della quale noi abbiamo tradotto solo una parte, il link lo trovate in coda al seguente articolo.

Fra le tante risposte quella che ci ha colpito maggiormanete è stata questa:  "Nel momento in cui i migranti attraversano le nostre frontiere e domandano asilo devono firmare un documento che li obbliga a rispettare tutte le leggi e i doveri  del nostro paese, nel quale si precisa che in caso di violazione  di quell'accordo essi saranno condannati con una procedura accelerata alle stesse pene previste per la popolazione locale (che per casi gravi prevede anche la pena capitale) e saranno reinviati nei loro paesi d'origine immediatamente dopo aver scontato la pena. Nello stesso tempo facciamo firmar loro un accordo nel quale viene stipulato che l'aiuto finanziario che riceveranno per la loro integrazione nel nostro paese  dovrà essere integralmente rimborsato entro i successivi due anni, nell'inadempienza  gli saranno confiscati i loro beni e saranno infine espulsi definitivamente dal nostro paese".

Lasciamo perdere tutte le castronerie che vengono scritte e dette in questi giorni in Italia che hanno il solo scopo di attirare la pubblica opinione verso i vari schieramenti politici, alla base di tutto è chiaro che è necessaria una politica seria e severa per poter accogliere in tranquillità chi veramente ha diritto di asilo.

Per leggere l'articolo originale cliccare quì.

Michele Sanpietro

 

 

 

Ultime Notizie

Abbiamo ricevuto dalla segreteria provinciale di Cosenza del partito "Noi Moderati" l'invito a pubblicare il comunicato stampa, che segue,...
Nella selva di foto di documenti scattate da me nell'immenso archivio della Famiglia Serra Cassano sito in Napoli, ieri, nel...
A fronte della mancata presa di posizione della Biennale d’Arte circa la discutibile condotta di Israele nella reiterata violazione dei...
Presentazione del lavoro di ricerca con CSV e Università della Calabria Vivere nell’Italia estrema è una sfida che chi vive...
Coldiretti Calabria a Bruxelles: risposte tempestive per stop burocrazia e misure urgenti per reddito imprese Una delegazione di Coldiretti Calabria, composta...

Please publish modules in offcanvas position.