Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

"Bella Enotria": il dolce dello Jonio

Daniele Garofalo.jpgPresentato ad Amendolara alla presenza della massime autorità

Mandorle di Amendolara, Limoni Igp di Rocca Imperiale, Arancio Biondo Tardivo di Trebisacce. Sono questi i principali ingredienti della “Bella Enotria”, il dolce tipico dello Jonio cosentino ideato e realizzato, con la passione e la competenza di sempre, dal pasticciere Daniele Garofalo. Si tratta di una torta secca (la sua versione fredda è il “Limanbio”) che si configura, per la precisione, come il dolce identitario dell’Alto Jonio cosentino, tanto da essere stato ufficialmente presentato nei giorni scorsi, nel corso di una cerimonia istituzionale, nel comune di Amendolara, alla presenza delle massime autorità.

La valorizzazione dei prodotti tipici locali, di eccellenze gastronomiche ormai conosciute e apprezzate in tutto il Paese e nel resto del mondo – quali le mandorle di Amendolara, i Limoni Igp di Rocca Imperiale e l’Arancio Biondo Tardivo di Trebisacce – rappresentano il segreto del successo di questa creazione nuova di zecca. Una vera e propria ‘perla’ nel settore, il cui merito va ascritto ad un giovane ma già affermato e unanimemente stimato pasticciere della zona: Daniele Garofalo della grande famiglia de “O’ Babà” di Corigliano, che con i suoi fratelli è il degno erede della gloriosa tradizione dolciaria partenopea.

La “Bella Enotria” – della quale si dà notizia in una nota a firma del giornalista Fabio Pistoia – è una bontà da assaporare e che certamente farà parlare di sé a livello nazionale, non poteva che essere partorita dalla mente creativa e dalle fertili mani di un pasticciere del calibro di Daniele Garofalo, la cui famiglia è oggi, a Corigliano Rossano e nell’intera Piana di Sibari, leader nel settore dolciario e, di recente, anche in quello della ristorazione. Una famiglia campana purosangue, da decenni impiantata stabilmente sulla costa jonica cosentina grazie alla caparbietà ed alla lungimiranza dell’indimenticabile capostipite Michele Garofalo, che mantiene salda la tradizione e la qualità.

In ogni storia che si rispetti, il buon gusto e i valori si tramandano in generazione in generazione. È così anche per i fratelli Enzo, Claudio, Rosario e Daniele Garofalo, impegnati con solerzia e professionalità 24 ore su 24 al servizio dei cittadini ed in nome della cordialità, sia in via Provinciale con il bar-pasticceria “O’ Babà”, sia con il ristorante “Napul’è” sito in contrada Santa Lucia. Tenendo sempre alto il principio che operare nel mondo del commercio e dell’attività col pubblico significa, anzitutto, essere innovativi. Ecco, la “Bella Enotria” ora è servita.

Ultime Notizie

Nella selva di foto di documenti scattate da me nell'immenso archivio della Famiglia Serra Cassano sito in Napoli, ieri, nel...
A fronte della mancata presa di posizione della Biennale d’Arte circa la discutibile condotta di Israele nella reiterata violazione dei...
Presentazione del lavoro di ricerca con CSV e Università della Calabria Vivere nell’Italia estrema è una sfida che chi vive...
Coldiretti Calabria a Bruxelles: risposte tempestive per stop burocrazia e misure urgenti per reddito imprese Una delegazione di Coldiretti Calabria, composta...
38° Premio Troccoli: consegna dei riconoscimenti sabato 18 maggio 2024 Francesco Grisi a 25 anni dalla scomparsa Intervista con Pierfranco Bruni La...

Please publish modules in offcanvas position.