Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Cassano. La sanità va riorganizzata

Ospedale Cassano.jpgLa drammatica vicenda della pandemia ha rivelato tutte le debolezze del sistema sanitario calabrese. Una debolezza che ha responsabilità precise, territori lasciati al loro destino, con il conseguente indebolimento della rete territoriale e delle attività di prevenzione, il ricorso sempre più diffuso alla sanità privata, dove la risposta ai bisogni si è trasformata da servizio a merce lucrosissima.

Oggi, dopo questo dramma, cresce la consapevolezza di ripensare e riorganizzare il sistema, a partire da un cospicuo rifinanziamento e dal riconoscimento al personale sanitario del suo ruolo e, soprattutto un piano straordinario di nuove assunzioni.

È evidente, che questo processo non può essere gestito dagli stessi che hanno procurato il danno. Serve allora un nuovo protagonismo dei cittadini, delle associazioni che operano nei territori. La storia del mai nato Ospedale di Cassano e del suo distretto sanitario è emblematica. Una vicenda, che grida giustizia, su cui oggi, si agitano fantasmi del passato, che hanno determinato enormi danni a discapito dei cittadini, che da 40 anni, sono stati privati di un loro sascrosanto diritto, costretti a costosissimi viaggi della sperenza.

La pandemia, ci ha poi rivelato come per decenni, si sono consumate sulla pelle dei cittadini, promesse puntualmente mai mantenute e, oggi, ci consegna un compito, quello di riprendere l’iniziativa affinché un nuovo e più efficiente modello di salute sia costruito con la partecipazione della popolazione.

Per questi motivi, pensiamo sia utile rilanciare l'azione dei cttadini in difesa della sanità pubblica, aperto a coloro che vorranno portare idee e impegno e che da subito lavori ad una piattaforma territoriale capace di permettere alla cittadinanza attiva di essere interlocutrice di questa nuova fase della sanità e stimolo costante per la difesa dei diritti garantiti dalla costituzione, a cominciare dai livelli essenziali di assistenza. Certamente, la battaglia non si ferna qui e consegneremo al nuvo commissario, prefetto Longo, un dettagliato dossier su quanto è accaduto nel corso degli anni.

COMITATO SPONTANEO DI CITTADINI

IN DIFESA PER IL DIRITTO PER LA SALUTE

DI CASSANO ALL’IONIO

Ultime Notizie

Sapevamo che da decenni nei magazzini della zona archeologica di Sibari (inizialmente delle semplici baracche di legno) giacevano migliaia...
Da un’ottima inchiesta apparsa sul quotidiano “Il Sole 24Ore” di ieri 6 gennaio u.s. ,curata da Marta Casadei e Michela...
Ancora protagonisti le allieve e gli allievi dell’Istituto “Ezio Aletti” di Trebisacce. E anche lontano dalle proprie aule: negli ultimi...
La nostra premier Giorgia Meloni ci ha abituato a battute "surreali", anche divertenti tutto sommato se non fossero pronunciate da...
Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,13-16 - Is 58,7-10 In quel tempo Gesù disse:«13Voi siete il sale della terra; ma...

Please publish modules in offcanvas position.