Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Andare via o rimanere qui!?

i-giovani.jpgPubblichiamo con piacere lo sfogo di una giovane e brillante donna di Sibari che si trova, come tanti altri giovani calabresi, davanti alla difficile scelta di dover partire per poter cercare un futuro migliore e per vedere affermate le proprie capacità. Neanche a farlo a posta proprio ieri sul quotidiano nazionale "Il Foglio" è apparsa una "lettera al direttore" inviata dall'amministratore dell'editrice "Rubbettino", prestigiosa azienda divenuta ormai nota a livello internazionale, sullo stesso argomento, anche se il fenomeno è visto da un'angolazione diversa, e che alleghiamo in coda alla nota della nostra concittadina Miriam Zupo. (La redazione)

Andare via o rimanere qui, questo è l’unico interrogativo che mi pongo negli ultimi tempi, nel momento in cui mi accorgo che ovunque vado, e dovunque volgo l’attenzione c’è solo un immenso NULLA davanti a me. Nascere e crescere in Calabria, mi rendo conto e mi rattrista molto ammetterlo che non è una delle più grandi fortune della vita. Noi calabresi, siamo gente troppo semplice per vivere in quest’epoca, siamo troppo legati a una Grecia ormai lontana anni luce, perché in fondo siamo tutti un po’ greci, legati al culto della bellezza, della vita semplice e tranquilla, di un mondo in cui è facile vivere, siamo immersi in una grande bolla sospesa nel NULLA. La colpa, perché ormai è solo una colpa, è la bellezza della Calabria, è un luogo magico, pieno di storie, di miti, di leggende e tradizioni, paesi e borghi con dei tratti meravigliosi, spiagge e monti ineguagliabili, un clima da far invidia, una cucina da dieci e lode e persone solari, amichevoli, che sanno di bello, profumano di mare e amore e sapore di caffè nell’aria. E quando nasci qui andare via è solo un sacrilegio, un’enorme colpo al cuore, non puoi farlo, perciò resisti, stringi i denti e vai avanti con tutte le forze possibili, con tutto l’impegno che puoi, vai avanti anche per anni. Studi, studi e continui a studiare, raggiungi ciò che vuoi, ti realizzi a livello culturale, hai un’istruzione e poi, poi boom!!! Anni inutili. Hai una cultura, ma non hai un lavoro, e per quanto lo cerchi non lo trovi o trovi qualcosa per cui una semplice licenza di terza media sarebbe stata più che sufficiente. Invii domande su domande, curriculum, candidature varie e passi le tue giornate così,mentre il mondo va avanti e tu resti fermo. L’unica cosa che puoi fare, l’ultima possibilità è prendere una valigia e i pochi risparmi che hai, lasciare tutto e andare via da qui. Il sogno di un lavoro dignitoso e la creazione di una famiglia nel paese in cui sei nato è una chimera, e allora sei arrabbiato, arrabbiato che spaccheresti tutto, spaccheresti la politica, l’amministrazione, il sistema, chi non ti ascolta, chi va avanti a raccomandazioni, chi ti prende in giro, ti illude, ma anche arrabbiarti non risolve il problema. Non puoi far nulla devi solo scegliere.

Miriam Zupo

Attachments:
Download this file (Il Foglio - Rubbettino.png)Il Foglio - Rubbettino.png[ ]232 kB

Ultime Notizie

Al 2 luglio sono legati tre personaggi importanti: compositore il primo, diventato famoso in Italia per la canzone di Celentano...
(foto: Don Orione e Ignazio Silone) Scenari/26. Uscita di sicurezza.Testimoniando al processo di beatificazione di don Luigi Orione a Tortona,...
Non è che vogliamo fare a tutti i costi i rompiscatole, ma nel leggere il comunicato che segue apprendiamo che...
Il sindaco del Comune di Frascineto, Angelo Catapano, in occasione della stagione estiva, al fine di garantire l'igiene pubblica e...
L’Amministrazione comunale di Villapiana è vicina, ancora una volta con spirito solidale, alle esigenze delle famiglie che vivono delle fragilità,...

Please publish modules in offcanvas position.