Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Migranti. Italia:"Ce servono com'er pane"

Carri armati alla frontiera.jpgfoto: I carri armati alla frontiera austriaca) Boeri, dal prestigioso palco dell’Inps, ha lanciato chiaro il grido di dolore dell’Italia: “Interrompere gli sbarchi ci costerebbe 38 miliardi!”.

Subito scattata la solidarietà europea.

Macron, paludato col solito vestito blu di seta lucida, tipico degli “arrivati” politici, dopo l’entrata trionfale a Versailles, ha scandito chiaro e tondo: “Tranquilli Italiens, ve li lasciamo lì. Anzi, se qualcuno dovesse sgusciare via, ve lo rimpacchettiamo e riconsegniamo.”.

Anche l’Austria non si è fatta guardare dietro in sostegno all’economia italiana. Per evitare pericolose fughe del bottino migratorio italiano ha subito schierato un pettine a denti stretti di carri armati e truppe al confine: “State sereni, tutti da voi resteranno!”.

La Spagna, da sempre amica dell’Italia, non è rimasta a guardare questa virtuosa gara di supporto alle disgraziate sorti del bilancio statale italiano: “Non faremo attraccare nemmeno una nave di migranti nei nostri porti. Ci mancherebbe altro.”.

Un leggero scetticismo è serpeggiato tra la folla in attesa d’imbarco sulle spiagge libiche: “Ma che è stà storia de pagà 38 miliardi? Già avemo sborsato un botto p’arrivà fino a qua, e poi, dall’antra parte, ce tocca caccià artri sordi? E no, ha sbuffato un artro, er dindarolo l’ho già rotto, n’do li pijo mò altri sghei?

Insomma si è scatenato un piagnisteo generale, sedato solo dalla voce all’altoparlante di uno scafista: “Provocazioni! So’ provocazioni dei leghisti! Stò Boeri è n’infiltrato! Ve vò spaventà! Dovete solo paga er bijetto per gommone, er resto, poi, è tutto aggratis.”.

Poi, dimostrando un inaspettato livello culturale, diciamo superiore alla media europea, ha aggiunto: “Del resto s’è mai visto che le pensioni, col sistema contributivo, ce vengono pagate da un altro? Ce le paghiamo di tasca nostra. Se ce dovesse manca qualche euro, è perché qualcuno se l’è fregato, basta farglielo ricagà.”. Questa considerazione è stata completamente esaustiva e convincente, e tutto è tornato nella normalità (sic).

Maurizio Silenzi Viselli

PS: Ma i soldoni fregati da Mastropasqua, caro Boeri, sono rientrati? A noi risulta che il bellimbusto ora faccia parte del Consiglio d.Amministrazione di Lottomatica, Ce l'hanno mandato vista la sua conclamata capacità di "far man bassa"? (La redazione)

Ultime Notizie

A Sibari da qualche giorno vi è una nuova attività gestita da un giovane intraprendente, intelligente, capace e, quel che...
Dopo i risultati elettorali calabresi, non ho potuto fare a meno di riflettere su di un libricino che ho riletto...
Oggi è il giorno della memoria. "La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz,...
« Mai dimenticherò quella notte, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e...
È una data significativa quella del 27 gennaio, scelta nel 2005 per ricordare ogni anno la Shoah, lo sterminio del...

Please publish modules in offcanvas position.