Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Vangelo del 9 Giugno. Fratelli in Cristo

cristo_benedicente.jpgLA PAROLA DI PAPA FRANCESCO.

C HI FA LA VOLONTÀ DI DIO,

COSTUI PER ME È FRATELLO ,

SORELLA E MADRE

Il Vangelo di questa domenica ci mostra due tipi di incomprensione che Gesù ha dovuto affrontare: quella degli scribi e quella dei suoi stessi familiari. La prima incomprensione.

Gli scribi erano uomini istruiti nelle Sacre Scritture e incaricati di spiegarle al popolo. Alcuni di loro vengono mandati da Gerusalemme in Galilea, dove la fama di Gesù cominciava a diffondersi, per screditarlo agli occhi della gente: per fare l’ufficio di chiacchieroni, screditare l’altro,

togliere l’autorità, questa cosa brutta. E questi scribi arrivano con un’accusa precisa e terribile – questi non risparmiano mezzi, vanno al centro e dicono così: «Costui è posseduto da Beelzebul e scaccia i demoni per mezzo del capo dei demoni». Cioè il capo dei demoni è quello che spinge Lui; che equivale a dire più o meno: “Questo è un indemoniato”.

Il Vangelo di oggi ci parla anche di un’altra incomprensione, molto diversa, nei confronti di Gesù: quella dei suoi familiari. Questi erano preoccupati, perché la sua nuova vita itinerante sembrava loro una pazzia. Infatti, Egli si mostrava così disponibile per la gente, soprattutto per i malati e i peccatori, al punto da non avere più nemmeno il tempo di mangiare.

I suoi familiari, dunque, decidono di riportarlo a Nazareth, a casa. Arrivano nel posto dove Gesù sta predicando e lo mandano a chiamare. Gli viene detto: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano». Egli risponde: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?», e guardando le persone che stavano intorno a Lui per ascoltarlo aggiunge: «Ecco mia madre e i miei fratelli!

Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre». Gesù ha formato una nuova famiglia, non più basata sui legami naturali, ma sulla fede in Lui, sul suo amore che ci accoglie e ci unisce tra noi, nello Spirito Santo.

Tutti coloro che accolgono la parola di Gesù sono figli di Dio e fratelli tra di loro. Accogliere la parola di Gesù ci fa fratelli tra noi, ci rende la famiglia di Gesù. Sparlare degli altri, distruggere la fama degli altri, ci rende la famiglia del diavolo.

(Nell'allegato il Vangelo a fumetti per piccoli e grandi e l'opuscolo settimanale curato dalla Gioventù Ardente Mariana)

Attachments:
Download this file (Opuscolo-settim-9giugno.pdf)Opuscolo-settim-9giugno.pdf[ ]1888 kB

Ultime Notizie

Venerdì 5 luglio alle 21:30, nei saloni dell'Hotel Villa Angela, a Forio d'Ischia (località Panza). Ci sarà la presentazione dell'opera...
L’associazione ArticoloVENTUNO con Francesco Paternostro ed Antonello Avena, negli ultimi giorni ha inteso incontrare i cittadini residenti nel Centro storico...
LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO IL SEME È LA PAROLA DI DIO Gesù oggi paragona il Regno di Dio, cioè la sua...
Di seguito le dichiarazioni del consigliere regionale e capogruppo del Movimento 5 Stelle, Davide Tavernise. Consiglieri a Co-Ro e Crosia e...
RISPOLVERIAMO UN PO’ DI STORIA: DA IERI AD OGGI. Il passaggio da trascinatore a trascinato. L’impegno e la...

Please publish modules in offcanvas position.