Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Comunicati del "Club Giovani Soci BCC-Mediocrati"

foto evento run forthe future.jpegRUN FOR THE FUTURE: GARA DI IDEE PER RIPENSARE IL FUTURO DELLE COMUNITA’.

Il 24 e il 25 settembre si è tenuto presso il Parco Acquatico “Santa Chiara” di Rende, l’hackathon “Run for the Future” organizzato dal Club Giovani Soci in collaborazione con Goodwill.

L’evento, inserito nella manifestazione della BCC Mediocrati “Il tempo del Noi”, ha impegnato i ragazzi nella sfida di raccontare un’idea di impresa realizzabile che avesse come obiettivo principale quello della sostenibilità. Un’idea in grado di ridisegnare il futuro delle comunità, da sempre al centro dell’agire delle banche di credito cooperativo. I partecipanti sono stati suddivisi in squadre, partendo dai bisogni latenti che hanno percepito nella società, ragionando intorno a possibili soluzioni con alcuni mentor d’eccezione; tra questi, Giuseppe Piccolo fondatore dell’azienda AranC; Gaetano Aiello proprietario della Aiello Caffè; Erica Pranno rappresentante dell’associazione Mare Pulito; Salvatore Salerno Digital Strategist; Serena Bucca imprenditrice e fondatrice di Pagliassi; Stefano Vena responsabile tecnico di Altrama.

Oltre ai preziosi consigli dei mentor, i ragazzi sono stati guidati nell’elaborazione delle idee anche da tre speaker d’eccezione: Sergio Gatti, direttore generale di Federcasse, che ha illustrato la storia della nascita delle banche di credito cooperativo; Alberto Castelvecchi, docente di comunicazione presso la LUISS Business School, che ha spiegato ai ragazzi i passaggi chiave per esporre la propria idea in modo efficace; Lucia Moretti di Talent Garden che ha guidato i ragazzi nella realizzazione del Business Model Canvass.

La competizione ha prodotto quattro idee sostenibili e valide che hanno permesso ai giudici e agli organizzatori di esprimere soddisfazione per la riuscita dell’evento cooperativo. Ad essere premiata è stata “Erasmus agricolo”; un’idea che, partendo dal bisogno di staccare la spina dai ritmi frenetici della vita di città, si pone come obiettivo quello di riscoprire la lentezza con il ritorno alla terra. Come? Ideando una piattaforma capace di mettere in contatto abitanti di aree interne, che soffrono lo spopolamento, con chi sente la necessità di un periodo di vacanza esperienziale vivendo appieno la vita di un contadino calabrese, al fine di ritornare arricchiti di saperi ma anche di consapevolezze su quello che arriva in tavola.

Il team vincente passerà una giornata in compagnia dell’imprenditore Mario Grillo che accompagnerà i giovani soci all’interno della Fattoria Biò spiegando il processo produttivo.

La Presidente del Club, Chimenti, e gli intervenuti hanno espresso la soddisfazione di essere riusciti a realizzare una manifestazione che ha attirato l’attenzione dei ragazzi e non solo, con l’obiettivo di ripeterla in futuro.

 

CORSO ALTA FORMAZIONE GIOVANI SOCI

Il 6 ottobre presso la sala De Cardona, sita all’interno del Centro Direzionale della BCC Mediocrati è iniziato il “Corso di Alta Formazione per Giovanni Amministratori del Credito Cooperativo”, pensato e creato dal Club Giovani Soci di concerto con la Banca e in collaborazione con la Fondazione Athena dei Commercialisti.

Per la Banca sono intervenuti: il presidente Paldino; la vice presidente Ferraro; il direttore Altomare e i vice direttori Morelli, e Pastore; il segretario generale Bria. Per l’Ordine dei Commercialisti di Cosenza, il presidente Ventura e i dottori: Napolitano, Manna.

Tutti gli intervenuti hanno sottolineato l’importanza di un corso unico nel suo genere, che permetterà ai Giovani Soci di approfondire la conoscenza dei meccanismi e del funzionamento delle Banche di Credito Cooperativo che si differenziano dalle società per azioni per il fatto di essere cooperative e quindi “di proprietà” dei soci stessi e non degli azionisti. Banche di comunità che, in quanto tali, vivono e operano nella comunità, avendo l’interesse che la comunità stessa prosperi.

Tra i tanti temi toccati anche quello del ricambio generazionale, a confermare la visione prospettica della Banca che crede fermamente nei giovani.

Il corso prevede 42 ore di lezioni, con periodicità settimanale, tenute da dottori commercialisti, amministratori, dirigenti e funzionari della Banca, della Capogruppo Iccrea e di Federcasse.

Ultime Notizie

Le contrade del Monte, che ricadono nei Comuni di Cassano Allo Ionio e Castrovillari, servite dall'acquedotto dell'ex Consorzio di Bonifica...
Narrativa per l’infanzia: Le avventure di Bava, fuga in città Manuela Mastrota: l’infanzia rappresenta la speranza in...
Sarà il Cardinale Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo Metropolita di Bologna e Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, a ricevere quest’anno, l'ottava...
LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO - CHIAMÒ A SÉ PER MANDARLI. Il brano evangelico si sofferma sullo stile del missionario, che...
Nell’ambito delle attività tese a migliorare le capacità di monitoraggio del territorio, a valere sulla programmazione comunitaria PR CALABRIA FESR-FSE...

Please publish modules in offcanvas position.