Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

La farsa al porto di Corigliano: Attori muti i politicantucoli nostrani

porto_schiavonea_convegno1.jpgCome avevamo subodorato, sabato scorso 19 Gennaio presso gli uffici dell'autorità portuale di Corigliano, la politica locale ancora una volta si é messa prona davanti ai rappresentanti della Baker Hughes e, con ogni probabilità, il colosso americano si approprierà della grande struttura portuale senza pagare un solo nichelino. A meno che non sopraggiunga una qualsivoglia grossa manifestazione di dissenso da parte della popolazione tutto quel che abbiamo precedentemente paventato avverrà e come. In prima fila, il fior fiore della politicaccia locale è stata ad ascoltare e ad annuire, senza neanche la più piccola osservazione. Il senatur Rapani ha ottenuto quel che voleva il suo padrone nordista senza eccessivo sforzo. Registriamo una nota dell'ex parlamentare del M5S Francesco Forciniti che con amarezza stigmatizza quanto accaduto. (La redazione)

SE FOSSI STATO AL VOSTRO POSTO, MA AL VOSTRO POSTO NON CI SO STARE!

Gli esponenti politici locali dei partiti di governo regionale ci hanno fatto chiaramente capire da quale parte stanno. Di fronte a una multinazionale prossima a prendere possesso dell'unico porto che insiste sul nostro territorio per costruirci sopra una enorme fabbrica di turbine per la lavorazione del gas, l'atteggiamento che hanno tenuto è stato da una parte di totale appiattimento sulle pretese dell'azienda, e dall'altra parte di assoluto disinteresse verso le preoccupazioni di quei cittadini che li hanno votati e gli hanno permesso di occupare quegli scranni.

Ne è venuta fuori un ridicola, grottesca, surreale passerella nella quale assessori e onorevoli nazionali e regionali hanno tessuto le lodi dei benefattori americani che vengono a portare un po' di lavoro a noi poveri straccioni incapaci di badare a noi stessi e valorizzare le nostre vocazioni, il nostro tessuto produttivo, le nostre infrastrutture. Addirittura qualcuna ha osato dire che "in Calabria l'occupazione è al 16%", dato sparato totalmente a caso, e che quindi la cosiddetta "emergenza-lavoro" ci dovrebbe costringere a non fare troppo gli schizzinosi.

A nessuno di lorsignori interessava minimamente il fatto che la Baker Hughes avesse mentito clamorosamente sulla necessità di impiantarsi direttamente sulle banchine (falsa, dal momento che l'azienda americana non è presente in nessun altro porto del mondo), che non abbia preso alcun impegno sui posti di lavoro che darà, che non pagherà alcuna somma a titolo di compensazione al territorio, anzi che avrà sconti fiscali clamorosi pagati da noi, e che poi il gas prodotto ci arriverà comunque a prezzo di mercato. Quando il rappresentante del comitato cittadino ha evidenziato tutta una serie di preoccupazioni e incompatibilità legate ai regolamenti urbanstici, i nostri "onorevoli" sembravano addirittura nervosi e infastiditi.

Insomma, anziché far pesare alla controparte l'importanza, la bellezza, la dignità del nostro territorio, lo hanno pubblicamente affossato e disprezzato, in una sorta di simbolica resa al cospetto del forte, ricco e potente colosso americano.

Credetemi, sono tornato a casa amareggiato e disgustato, ma allo stesso tempo fiero di non essere stato al loro posto, a mettermi sotto i piedi la logica, la razionalità e lo spirito critico per rispettare l'ordine di un presidente di Regione che ha già deciso di svenderci. Io non ero in quella prima fila ricca di autorità. Io ero in piedi, fra il mio popolo, fra la mia gente, a ragionare con la mia testa, anziché a fare l'inchino ai ricchi capitalisti per disciplina di partito.

Francesco Forciniti – Libero cittadino già deputato della Repubblica

Ultime Notizie

Nella selva di foto di documenti scattate da me nell'immenso archivio della Famiglia Serra Cassano sito in Napoli, ieri, nel...
A fronte della mancata presa di posizione della Biennale d’Arte circa la discutibile condotta di Israele nella reiterata violazione dei...
Presentazione del lavoro di ricerca con CSV e Università della Calabria Vivere nell’Italia estrema è una sfida che chi vive...
Coldiretti Calabria a Bruxelles: risposte tempestive per stop burocrazia e misure urgenti per reddito imprese Una delegazione di Coldiretti Calabria, composta...
38° Premio Troccoli: consegna dei riconoscimenti sabato 18 maggio 2024 Francesco Grisi a 25 anni dalla scomparsa Intervista con Pierfranco Bruni La...

Please publish modules in offcanvas position.