Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Sibari. A proposito della "bretella" ferroviaria tra Thurio e Doria-Cassano

bretellina.mini.jpgNegli ultimi giorni si é sviluppato un animato dibattito a proposito della "bretella" che dovrebbe essere realizzata prima della stazione FS di Sibari per collegare l'area meridionale della sibaritide e, naturalmente anche della crotoniatide, a Cosenza ed al tirreno cosentino. A Sibari è nato il comitato "Ritorno a Sibari" schierato contro questo progetto (pare già finanziato con il PNRR e di prossima realizzazione)  per impedire l'isolamento della stazione ferroviaria di Sibari. E' giunto in redazione il comunicato del Sindaco di Cassano che chiarisce alcuni aspetti importanti; se quanto dichiara Papasso risponde al vero (ma non dovrebbero esserci dubbi), non si tratta di una bretella ma di una "bretellina" da realizzare tutta nel territorio di Sibari-Cassano a ridosso del centro abitato e nelle vicinanze dell'Istituto Professionale ed il campo sportivo. Area in cui ricadono anche alcune delle poche attività industriali-artigianali della zona. Ci torna alla mente quanto dichiarato dal portavoce del Comitato spontaneo "Ritorno a Sibari", Mimmo Roseti, che suona come campanello d'allarme da non trascurare: "siamo certi che le finalita’ di questa sciagurata proposta sono di ben altra natura. Al di la’ quindi delle motivazioni ufficiali,  le vere finalita’, quelle non dichiarate,  sono di natura politica e vanno ricercate in una visione molto piu’ ristretta di opportunita’  locali. Si pensi ad esempio alla ipotesi dell’ Alta Velocita’ estesa a Corigliano-Rossano, fino a Crotone,  Sibari esclusa". Il disegno, per niente peregrino, è che si vuole favorire l'alta velocità sul percorso tirrenico con arrivi e partenze da Crotone, altro che bretella. Insomma la regione vuole favorire il collegamento di un'area in cui insistono alcune centinaia di migliaia di elettori (crotoniatide e basso Ionio) verso Cosenza e verso l'alta velocità tirrenica, a scapito dei quattro pellegrini dell'alto Ionio (Cassano compresa). Tutto ciò non é nuovo in questo territorio, già dai tempi della costruzione della prima SS106 le tratte che furono realizzate per prime furono proprio quelle tra Rossano e Corigliano, qualche anno dopo si cominciò a completare la tratta da Sibari verso l'alto Ionio e pensate un po' chi si occupò fortemente della questione? il cassanese deputato al parlamento (1919-1921) Italo Carlo Falbo. E non dimentichiamo l'ostracismo proprio dei rossanesi contro la creazione della provincia della sibaritide con capitale Sibari, L'allora sindaco di Rossano (Caputo) proprio nella delegazione comunale di Sibari lanciò il suo anatema contro quell'idea portata avanti da tanti e da Casciaro_Giacinto.jpgun coriglianese in particolare, il mai dimenticato prof. Giacinto Casciaro (nella foto a lato), che tanto si spese per un’iniziativa sicuramente giusta e meritevole di ben altro interesse da parte del popolo e dei politici. Ora con questo "lavoretto" e senza colpo ferire, quasi di nascosto, si vuole mettere ancor di più in un cantuccio i cittadini delle terre a nord del Crati. Di seguito il comunicato del sindaco di Cassano. (La redazione)

*****************

In merito alla questione della lunetta o bretella di Sibari, devo far notare che sia l’associazione Ferrovie in Calabria (con la quale poi ho anche interloquito e ringrazio per questo il presidente Roberto Galati) sia quanti stanno criticando in queste ore la mia presa di posizione in merito, stanno prendendo un grosso abbaglio.

Quello che Rfi vorrebbe costruire non è il vecchio progetto della bretella di Thurio (a cui l’associazione Ferrovie in Calabria si riferisce) ma un altro progetto completamente diverso detto appunto bretella o lunetta di Sibari. Mi spiego meglio: già negli anni Ottanta circolava un progetto per ottimizzare la percorrenza dei treni sulla tratta Sibari-Cosenza. All’epoca esistevano diverse stazioni tra cui quelle di Thurio e di Cassano-Doria. La bretella di Thurio (ricadente nell’allora Comune di Corigliano Calabro) doveva servire a collegare - e potenziare - le due stazioni per risparmiare una decina di minuti nel collegamento tra la linea jonica e Cosenza e la linea tirrenica. Questo progetto, però, non è stato mai realizzato: gli anni sono passati ed entrambe le stazioni di Thurio e Doria sono state chiuse dalle Ferrovie dello Stato.

Quello in discussione oggi è un progetto totalmente diverso e le foto che allego ne sono la prova: si tratta di una curva, una “lunetta” appunto, da realizzare in una zona centrale di Sibari che collegherebbe la linea ionica con la Sibari-Cosenza tagliando fuori, escludendo e depotenziando, la stazione di Sibari.

I DETTAGLI TECNICI

Parliamo di un progetto impattante: si prevede la realizzazione, in particolare di due viadotti ferroviari, uno dei quali con lunghezza complessiva di circa 330 metri, composto da nove campate da 30 metri, e una campata principale da 60 metri sopra la strada Statale 106, mentre l’altro viadotto è composto da un’unica campata da 20 metri. Gli impalcati sono sorretti da pile le cui altezze variano dai 4.60 metri ai 7.10 metri. Al di là dell’impatto acustico, anche l’impatto visivo dell’opera sarà importante perché andrà a deturpare irrimediabilmente l’immagine del territorio a forte valenza turistica ma anche caratterizzata da produzioni agricole tipiche vocazionali e specializzate (basti pensare che dove si vuole realizzare l’opera sono presenti diverse aziende agricole del settore olivicolo-oleario, agrumicolo e vi ha sede anche l’Istituto Professionale di Stato per l'Agricoltura e l'Ambiente di Sibari). I due viadotti saranno in rilevato e passeranno sopra le case e le imprese nei pressi del campo sportivo di Sibari. Sottolineo che l’area in questione è considerata di notevole interesse pubblico per la valenza paesaggistica e archeologica oltre che essere interessata dalla nidificazione della cicogna bianca. Attualmente, nei pressi dell’intervento che si vorrebbe realizzare, sono in corso i lavori per l’eliminazione dei passaggi a livello mediante la realizzazione dei sottopassi. A suo tempo anche e soprattutto Rfi escluse categoricamente la possibilità di realizzare una sopraelevata che oggi, invece, si vorrebbe realizzare.

ALTRE CONSIDERAZIONI

Al di là delle questioni tecniche ci sono delle ulteriori considerazioni da fare. Non esistendo più la stazione di Cassano-Doria, infatti, collegando le due linee con la lunetta, Sibari avrebbe un grosso danno da diversi punti di vista senza che la città e i cittadini possano avere più accesso all’alta velocità. Un danno che si estenderebbe a tutto l’Alto Ionio e al Pollino che oggi fanno riferimento proprio alla stazione sibarita per i collegamenti veloci. Un comportamento irrispettoso nei confronti di questi territori che assume dei contorni ancora più misteriosi perché, dalle carte di cui siamo in possesso, emerge che il progetto risale al 2021 su richiesta della Regione Calabria nell’ambito di un tavolo tecnico di ascolto. Una riunione alla quale il Comune di Cassano non è stato chiamato a partecipare né come organo tecnico-amministrativo né politico. Subiamo questa decisione voluta da altri ma ci opporremo a questo modus operandi di Rfi e Regione. Non si può trattare così un intero territorio che conta, solo a Sibari, oltre 7000 posti letti che non potranno più essere raggiunti agevolmente con l’alta velocità creando anche gravi disagi all’imprenditoria.

Ricordo a tutti che io sono il sindaco che ha lottato per il Psa della Sibaritide, per la Freccia a Sibari, per la Statale 106 Sibari-Roseto e che ha chiesto una metro leggera verso l’aeroporto di Crotone e verso l’università della Calabria e Cosenza e che ora sta lottando per avere altri collegamenti sulla jonica ma, mentre scrivo lettere a Trenitalia o fisso incontri con altri colleghi sindaci per chiedere nuove tratte per la Puglia e la linea Adriatica mi ritrovo a dover lottare contro chi pretende di prendersi il territorio e isolarlo dal resto della Calabria e del Paese. Ribadisco che siamo di fronte non ad una difesa campanilistica ma alla possibilità che deve essere data a Cassano-Sibari, al Pollino e all’Alto Ionio di utilizzare le grandi linee di comunicazione come è stato fino ad ora. Stando così le cose difficilmente il consiglio comunale potrebbe approvare una variante a quel Psa a cui da poco abbiamo dato il via libera e che prevedeva ben altro.

Giovanni Papasso

Sindaco di Cassano All’Ionio

 

bretellina.jpg

 

bretellina1.jpg

Ultime Notizie

Abbiamo ricevuto dalla segreteria provinciale di Cosenza del partito "Noi Moderati" l'invito a pubblicare il comunicato stampa, che segue,...
Nella selva di foto di documenti scattate da me nell'immenso archivio della Famiglia Serra Cassano sito in Napoli, ieri, nel...
A fronte della mancata presa di posizione della Biennale d’Arte circa la discutibile condotta di Israele nella reiterata violazione dei...
Presentazione del lavoro di ricerca con CSV e Università della Calabria Vivere nell’Italia estrema è una sfida che chi vive...
Coldiretti Calabria a Bruxelles: risposte tempestive per stop burocrazia e misure urgenti per reddito imprese Una delegazione di Coldiretti Calabria, composta...

Please publish modules in offcanvas position.