Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

4 Oscar per "Povere Creature". Ma tratta di vera emancipazione femminile?

emma stone.jpg(foto: Emma Stone) Dopo aver letto alcune recensioni del film vincitore di ben quattro Oscar, la nostra attenzione si é soffermata sull'editoriale di artribune.com che ci é parsa, tra tutte le diverse opinioni quellapiù calzante. Non avendo ancora visto il film, però, prendiamo il tutto con beneficio d'inventario. (La redazione)

Il film Povere Creature – tradotto in italiano dall’inglese “Poor Things(chiaro rimando allo scritto di Mary Shelley, anche se post Sanremo di Geolier si farebbe bene azzardare a definirlo quasi come un’elegante citazione di un napoletano sdoganato, metonimia dell’accoglienza del diverso) – è un adattamento su pellicola diretto dal regista greco Yorgos Lanthimos, dell’omografo titolo di Alasdair Gray. Il film si presenta come un’opera di formazione, in cui la protagonista – Bella Baxter, che prende vita grazie all’interpretazione “spot on” di Emma Stone per cui ha vinto, a buon diritto, uno dei quattro Oscar assegnati a Povere Creature (gli altri premi sono stati: migliore scenografia a James Price, Shona Heath e Zsuzsa Mihalek, migliori costumi a Holly Waddington e miglior trucco e acconciatura a Nadia Stacey, Mark Coulier e Josh Weston) – è una novella si direbbe, equivocando, “Frankenstein” di Mary Shelley. A chiamarsi Frankenstein – in realtà – è il dottore, mentre “She-Shelley” sceglie di non dare un nome al “mostro”, che viene chiamato icasticamente la “Creatura” (oggi, nell’epoca dei figli chiamati #xyz24, tale atto di s- personificazione forse sbiadisce nella sua potenza evocativa). Questo come monito dell’azzardo compiuto dall’uomo che – ebbro di ubris – si autocelebra come creatore (di progetti, di vite, di confini tra Stati), ritrovandosi poi deus ex machina incapace di fornire gli strumenti per uno sviluppo sano, equo, inclusivo e sostenibile, piuttosto che di monitorarne i progressi.

“Povere Creature” di Lanthimos parla davvero di emancipazione femminile?

Povere Creature a un occhio superficiale è il percorso (grottesco) di emancipazione di una giovane donna, che scopre se stessa – o si riscopre – attraverso un “Gioco dell’Oca” durante il quale il progresso e l’avanzamento vengono misurati in base al quantitativo e alla qualità dei kink che Bella sperimenta, superando le critiche della morale e del costume. In altre parole sembrerebbe passare il messaggio per cui l’emancipazione femminile si concreti sostanzialmente quasi esclusivamente nella “sua” emancipazione sessuale se antitetica al conformismo. È fuori dubbio che l’emancipazione di un individuo passi anche (non solo) attraverso la sua emancipazione sessuale e che le istanze femministe siano – storicamente – interpreti di svariate questioni in tema di libertà sessuale (libertà di tout court, prostituzione, omosessualità rectius le sessualità e le affettività LGBT+, aborto…). E tra le forme visive più esplicite di libertà sessuale ci si è domandati come interpretare la cinematografia “di genere”, valutando se il porno fosse una mortificazione o un’esaltazione dell’emancipazione sessuale della donna (vale la pena ricordare che Angela White e Valentina Nappi, due affermate protagoniste del mondo del porno, hanno fatto studi in materia di Gender Diversity). In aiuto, per rispondere a questa provocazione, arriva la regista Erika Lust, a cui è stata attribuita la frase: “The sex can stay dirty, but the values have to be clean(trad. Il sesso può rimanere sporco, ma i valori devono essere puliti).

fonte. www.artribune.com

 

Ultime Notizie

IL PRESIDENTE OCCHIUTO INDOSSA “ I VESTITI NUOVI DELL’IMPERATORE”, MA IN REALTA’ E’ NUDO. STAMANE ,GIOVEDI 18 APRILE, IL CONSIGLIO REGIONALE...
Numerose le opere presentate (Foto: Francesco GRISI) Sarà Andrea De Iacovo a condurre la cerimonia conclusiva della consegna dei...
LA MENTALITA’ MAFIOSA RIFLESSIONI: La mafia per attecchire ha bisogno di eliminare chi la combatte, di ridurre al silenzio chi parla, di...
Svelato il logo del Museo Alessandrino delle Maschere che mercoledì 1° Maggio dischiuderà le proprie porte rivelando la ricca collezione...
In fase di ultimazione nell'ambito del Bando dei borghi, il sentiero Arcobaleno, ubicato nella parte collinare di Eianina, utile per...

Please publish modules in offcanvas position.