Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Aggressione nel carcere di Rossano, Tavernise (M5S): la misura è colma

Tavernise 4Dal centro destra neanche più promesse di risolvere il problema.

Esprimo massima solidarietà al sovrintendente di sorveglianza generale rimasto vittima dell’aggressione che si è verificata nel Carcere di Rossano. L’ennesimo episodio di violenza si svolge tra le mura del penitenziario per il quale da tempo si richiedono azioni urgenti adesso non più procrastinabili.
L’arrivo del nuovo direttore Luigi Spetrillo ha sì rappresentato un passo in avanti nella gestione del carcere ma evidentemente non basta. Un solo uomo non può risolvere come per magia il sottodimensionamento della pianta organica della Polizia Penitenziaria e il sovraffollamento della comunità carceraria, complicata dalla presenza al suo interno di molti detenuti affetti da problemi psichiatrici, molti dei quali sono considerati dagli esperti e dal sindacato del Sappe “abbastanza gravi”.
Trovo veramente assurdo che il governo di centro destra, che in Calabria esprime anche un Sottosegretario all’Interno, Wanda Ferro, non riesca a mettere mano ad un problema che coinvolge la credibilità stessa delle istituzioni e l’incolumità del personale carcerario e dei suoi ospiti forzati. Tanto che oramai ha smesso anche di fare promesse in tal senso. L’ultima visita-passerella risale al marzo dello scorso anno, con il sottosegretario Delmastro che ha potuto rendersi conto di persona delle difficoltà di gestione, senza però intervenire compiutamente e tempestivamente. E poco e nulla valgono le parole del Senatore Rapani, che parla di “traguardo epocale” raggiunto dal governo Meloni quando i problemi restano esattamente gli stessi di quelli che denunciavamo anche due anni fa tanto che oggi la misura è colma.
Serve veramente uno sforzo ulteriore, oltre alle buone intenzioni, per garantire sicurezza e legalità negli istituti e creare le migliori condizioni di lavoro a uomini e donne della Polizia Penitenziaria. Nel frattempo si dovrebbero seguire le indicazioni di chi lavora in quella struttura per mitigare le problematiche ed evitare altri spiacevoli incidenti in futuro.
Davide Tavernise
Consigliere regionale Calabria - XII legislatura
Presidente del gruppo consiliare Movimento 5 Stelle
 

Ultime Notizie

LA MENTALITA’ MAFIOSA RIFLESSIONI: La mafia per attecchire ha bisogno di eliminare chi la combatte, di ridurre al silenzio chi parla, di...
Svelato il logo del Museo Alessandrino delle Maschere che mercoledì 1° Maggio dischiuderà le proprie porte rivelando la ricca collezione...
In fase di ultimazione nell'ambito del Bando dei borghi, il sentiero Arcobaleno, ubicato nella parte collinare di Eianina, utile per...
(Foto: Pasquale Tridico) Un’incertezza fissa accomuna il ponte sullo Stretto e l’Alta velocità ferroviaria per la Calabria, che ancora non ha...
Ieri sera intorno alle 21,40 circa un boato ha scosso la quiete di Marina di Sibari. Alcuni amici stavano cenando...

Please publish modules in offcanvas position.