Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Coldiretti Calabria presente al Brennero - Testimonianze

Il Presidente Aceto sul Palco al Brennero insieme ad altri dirigenti.jpgColdiretti Calabria al Brennero: smascherato Tir con 21 tonnellate di patate destinate ad un’azienda industriale del crotonese.

Teniamo duro! Ripetuto a gran voce dal palco al passo del Brennero dal presidente regionale della Coldiretti Franco Aceto. Nel suo intervento davanti a migliaia di agricoltori, confermando le ragioni della protesta, Aceto ha reso noto, che insieme ad altri orrori, è stato intercettato e smascherato un tir carico di patate, ben 21 tonnellate, provenienti dalla Germania e destinate ad una azienda industriale del crotonese. Patate lavorate a stick e gratinate, precotte e surgelate, che magari poi per esaltarne la qualità venivano presentate come patate della sila. Un danno alle nostre produzioni di qualità. Un’azione, questa della Coldiretti, che continuerà anche domani resa necessaria dagli arrivi incontrollati di alimenti dall’estero che spesso non rispettano le stesse regole di quelli nazionali e fanno così concorrenza sleale alle nostre produzioni facendo crollare i prezzi pagati agli agricoltori.

Ufficio Stampa Coldiretti Calabria

Coldiretti Calabria, secondo giorno di proteste di Coldiretti al Brennero: le testimonianze degli agricoltori calabresi

E’ il secondo giorno al valico del Brennero la manifestazione ha posto sicuramente al centro dell’attenzione, delle forze politiche, economiche ma ancor di più dei cittadini la difesa del “Made in Italy”. Le testimonianze dirette degli agricoltori calabresi presenti, che sperimentano sulla propria pelle le gravi difficoltà, fa dire che  non ci sono più alibi e non si può rimanere indifferenti di fronte ad un fenomeno che, oltre a danneggiare la nostra economia, è una vera truffa ai danni di ignari consumatori convinti di acquistare italiano ed invece finiscono con il consumare prodotti diversi e sicuramente non all’altezza dei nostri elevati standard qualitativi. Giuseppe Talarico, produttore di patate in Calabria, si amareggia guardando il tir carico di 21 tonnellate di tuberi già lavorati in arrivo dalla Germania: "Non si tratta solo del Brennero, - commenta - è da poco arrivata una nave cargo dall'Egitto, ma i flussi sono quotidiani e pesanti. Questo provoca il collasso dei prezzi e mette in difficoltà le imprese nazionali. Soprattutto quando si tratta di prodotti extra Ue coltivati, anche in questo caso, con prodotti che da noi non sono permessi. Francesco Bilardi, anch’esso agricoltore calabrese, che produce frutta tropicale in Calabria e che quasi è incredulo davanti al tir carico di avocado che, provenienti dal sud Africa, hanno varcato il Brennero provenienti dalla Moldavia: "Prodotti spesso raccolti ancora a maturazione incompleta, che percorrono migliaia e migliaia di chilometri e trattati senza dover sottostare alle legittime e rigide normative nazionali: tutt'altra cosa rispetto alla nostra frutta, fresca e curata".     Un cerealicoltore calabresedenuncia "i prezzi in caduta libera del grano che mettono a rischio il futuro della coltivazione, perché le nostre imprese si trovano a dover sostenere costi insostenibili di produzione. Vanno intensificati gli accordi di filiera che premiano la qualità e va dato corso a quanto già stabilito per legge, ovvero che i prezzi non possono scendere mai sotto i costi di produzione". “Stiamo vedendo di tutto – riferisce Franco Aceto Presidente di Coldiretti Calabria - e allora coraggio Italia e coraggio Calabria! Continueremo con maggiore impegno e convinzione a seguire questa direttrice per creare sviluppo e lavoro abbiamo una  ricchezza sia in termini di qualità che di varietà della nostra agricoltura. Non siamo e non saremo mai complici  aggiunge – della svalutazione della nostra migliore produzione di qualità in campo agricolo ed agroalimentare e conseguentemente dell’inganno ai consumatori attirati da prodotti a basso costo, frutto della concorrenza sleale, con possibili rischi per la salute. Dinanzi a quella che è una vera invasione di prodotti stranieri – conclude- vogliamo il rispetto del principio di reciprocità: le regole imposte ai produttori europei devono valere anche per chi vuole vendere nel mercato Ue”.

Ufficio Stampa Coldiretti Calabria

Ultime Notizie

Consorzio di Bonifica della Calabria annuncia controlli straordinari in tutta la Regione per evitare abusi e garantire l’acqua agli...
Purtroppo e' un periodo nero speriamo che cambi il vento Milano Venezia 34 estratto 3--31--34 facoltativo ambi a tutte con 34 capogioco e' stata inserita...
KRIU – Krotone Identità Urbana: così si intitola il progetto triennale pensato da Gulìa Urbana per la città calabrese. Un'iniziativa...
Venerdì 5 luglio alle 21:30, nei saloni dell'Hotel Villa Angela, a Forio d'Ischia (località Panza). Ci sarà la presentazione dell'opera...
L’associazione ArticoloVENTUNO con Francesco Paternostro ed Antonello Avena, negli ultimi giorni ha inteso incontrare i cittadini residenti nel Centro storico...

Please publish modules in offcanvas position.