Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

VII Assemblea Diocesana: “Una chiesa sinodale: come?

Mons Savino1.jpgDopo aver sviluppato nelle precedenti assemblee il tema della fede indebolita dalla crisi educativa e dai processi di scristianizzazione, attraverso la via della parrocchia quale luogo immagine della comunità ecclesiale e la via del Battesimo quale germe di rinnovamento e verifica della tenuta delle nostre comunità, la diocesi di Cassano All’Ionio nei giorni 10 -11 e 18 settembre prossimi, si ritrova convocata dal suo vescovo mons. Francesco Savino, a celebrare la sua settima Assemblea diocesana, dal titolo: “Una chiesa sinodale: come?”, che si terrà presso le tre vicarie: parrocchia San Girolamo in Castrovillari; di Cassano - parrocchia Sacri Cuori di Gesù e di Maria in Lauropoli e dell’Alto Jonio - parrocchia Cuore Immacolato di Maria in Trebisacce. Le relazioni saranno trasmesse in diretta streaming con i relatori in presenza da Castrovillari e potranno essere seguite in diretta streaming attraverso i canali social e dal sito della Diocesi, affidate a Cristina Simonelli, Marinella Perroni, e a don Cosimo Scordato, teoliigi. Da più parti, e continuo, è il tentativo di estromettere la fede dalla vita pratica e civile delle persone, pensando che il cri­stianesimo sia soltanto un problema di cuore, cioè intimo, privato. In generale, il laicismo non credente e ateo tollera la fede cristiana come una «opinione» tra le altre: si può credere quello che si vuole, purché non si pretenda che la fede vissuta dica la verità dell’uomo e della storia o che esca dai templi del­le chiesa. La religione in Italia ha perso il vincolo della osservanza ed è diventata sempre più oggetto di preferenza. È molto diffuso l’individualismo del credere che può dar vita a percorsi religiosi autonomi. Non a caso, mons. Savino, nel documento programmatico per il Sinodo: “Il popolo ha sete”. Crisi e futuro di cristianesimo” riecheggiando una espressione del teologo protestante Paul Tillich, che già a cavallo degli anni ‘60 del secolo scorso parlava di ingresso nell’epoca postcristiana, si chiede: “il messaggio cristiano, specialmente la predicazione cristiana, è ancora rilevante per le persone del nostro tempo?

Anche la Chiesa particolare che è in Cassano All’Ionio, vive questa crisi di crescen­za, ma nel suo intimo va rintracciando conversione alla scuola del suo Signore, per farsi più attenta alla sua pa­rola, per imparare a decifrare i “segni dei tempi” e soprattutto per ricompattarsi do­po lo sfaldamento ingenerato dal tumultuoso cambiamento epocale e ri­trovare la libertà di servire in povertà e letizia la causa del Regno. Da al­cuni anni, infatti, attraverso le programmatiche assemblee settembrine, sempre più ricche di provocazioni e di stimoli, si va interrogando su come rendersi te­stimone credibile del Risorto e su quali strategie privilegiare per intervenire efficacemente nell’opinionismo transculturale che tipicizza l’oggi della storia. Perciò nei giorni 10, 11 e 18 settembre, con le conclusioni del vescovo, la diocesi si ritroverà e si predisporrà con slancio più generoso e rinnovato a vivere la grazia del Sinodo. “Una chiesa sinodale: come?”, secondo i propositi del vescovo, vuole essere un pre-ingresso nell’ormai prossimo Sinodo, un cammino di verità, di radicalità, di totalità ed è l’occasione – secondo mons. Savino –, per ritrovare la strada della vita, la vera strada negli im­pervi sentieri della storia, oggi. “Il cammino della sinodalità è il cammino che Dio si aspetta dalla Chiesa del terzo millennio” va sostenendo con ardore apostolico Papa Francesco!  Una Chiesa sinodale, non può limi­tarsi a descrivere il dramma, né porsi come dirimpettaia nella con­correnza ideologica, di influenze e così via, ma come rottura come novità radicale, come alternativa in Cristo. E se come chiesa vogliamo instradare il mondo sulle piste di Dio, dobbiamo fare Pasqua – ha ribadito mons. Savino – con­vertirci all’uomo nuovo, lasciando dietro tutti i nostri idoli. La vera Chiesa non nasce organizzativamente ma nella vitale esperienza del Cristo risorto e glorificato. A don Giovanni Maurello, le comunicazioni sul percorso sinodale.

Cassano All’Ionio, 06-09- 2021

Ultime Notizie

Quanto accaduto a Pisa l'altro ieri é semplicemente ignominioso. Mi ricorda tanto gli anni in cui in tutta Europa le...
La previsione di Firenze dell'ultimo suggerimento di Dominik ha pagato con l' estratto 23 ed ha portato un po'...
Anche quest’anno, per conservare la memoria della Shoah, si è celebrata la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione del concorso artistico...
AD ALESSANDRIA DEL CARRETTO NASCE IL MUSEO ALESSANDRINO DELLE MASCHERE Nasce ad Alessandria del Carretto, nel cuore del Parco Nazionale del...
Giovedì 22 l’incontro del M5S a Corigliano Rossano Insieme a Tridico saranno presenti Baldino, Ferrara, Orrico, Scutellà e Tavernise “SUD, LAVORO, EUROPA” Queste...

Please publish modules in offcanvas position.