Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

"E il gallo cantò ..." - Silenzio sul peccato del fratello

gallo-che-canta.jpgNella Settimana Santa che si apre mi  sembra molto utile pubblicare un pensiero che ho letto sul blog di p. Enzo  BIANCHI, ex-priore del monastero di Bose.

Perchè ho deciso di pubblicarlo?

Il motivo è nell'aver osservato già da molti anni come lo "sputtanamento" (scusatemi il termine volgare ma credo che sia il più appropriato visto l'argomento) tra preti, vescovi e laici sia lo sport più praticato. Pochissimi sono quelli che non lo praticano o che rifiutano sdegnosamente di praticarlo e, non a caso, sono quelli più amati e ricordati con affetto e rispetto. Il pensiero che leggerete dopo questa mia breve introduzione, è molto più esplicativo ed "elegante" di quanto io non sia in grado di esprimere, ma io faccio parte del volgo e mi esprimo come tale. Alleluja! (Antonio Michele Cavallaro)

Per chi vuole può ascoltarne la lettura invece di leggere CLICCARE QUI'

"Nei Detti dei padri del deserto è frequente l’ammonizione a non rivelare il peccato compiuto da un fratello, non accusarlo di una colpa commessa, ma piuttosto custodire nel silenzio il peccato del fratello pregando per lui e sentendosi peccatori non meno di chi ha peccato pubblicamente o è stato scoperto.

Questo era Vangelo e tramandato nella sapienza del deserto costituiva un insegnamento per i monaci e i lettori. Ma oggi nella chiesa sembra che tale atteggiamento evangelico non sia più compreso. Anzi, si pensa di far bene a denunciare il peccato commesso da un altro. Perché? Le cause possono essere molte. Alcuni lo fanno perché hanno la vocazione a essere spioni, censori, e amano esercitare un ministero della condanna che peraltro non è mai stato loro affidato: per la maggior parte si tratta di ecclesiastici rigidi, severi, che vedono i peccati altrui ma non i propri. Altri lo fanno per trovare motivi di autocompiacimento, narcisisti che devono denunciare gli altri, impotenti nel peccato e proclivi alla virtù.

Questo è un male che oggi ammorba la vita, soprattutto nella chiesa: vescovi che denunciano i preti che hanno peccato, che divulgano la notizia di peccati commessi dai preti (peccati secondo l’etica cristiana, non delitti secondo la legge dello stato). Che tristezza! Credono così di purificare la chiesa? O in realtà vogliono giustificare solo se stessi e l’istituzione e isolare il peccatore? Costoro sono dei “catari”, malati dell’eresia dei catari. Il silenzio sul peccato del fratello è l’inizio della misericordia."

 

Ultime Notizie

Quanto accaduto a Pisa l'altro ieri é semplicemente ignominioso. Mi ricorda tanto gli anni in cui in tutta Europa le...
La previsione di Firenze dell'ultimo suggerimento di Dominik ha pagato con l' estratto 23 ed ha portato un po'...
Anche quest’anno, per conservare la memoria della Shoah, si è celebrata la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione del concorso artistico...
AD ALESSANDRIA DEL CARRETTO NASCE IL MUSEO ALESSANDRINO DELLE MASCHERE Nasce ad Alessandria del Carretto, nel cuore del Parco Nazionale del...
Giovedì 22 l’incontro del M5S a Corigliano Rossano Insieme a Tridico saranno presenti Baldino, Ferrara, Orrico, Scutellà e Tavernise “SUD, LAVORO, EUROPA” Queste...

Please publish modules in offcanvas position.