Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Vangelo di Domenica 12 Febbraio 2017

gesu e le tavole della legge.pngDal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,17-37. In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: « Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto. Chi dunque trasgredirà uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli. »  

Poiché io vi dico: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli. Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stupido, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geenna. Se dunque presenti la tua offerta sull'altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all'altare e và prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono.

Mettiti presto d'accordo con il tuo avversario mentre sei per via con lui, perché l'avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu venga gettato in prigione.
In verità ti dico: non uscirai di là finché tu non abbia pagato fino all'ultimo spicciolo! »
Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio; ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore. Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna.  E se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna.
Fu pure detto: Chi ripudia la propria moglie, le dia l'atto di ripudio; ma io vi dico: chiunque ripudia sua moglie, eccetto il caso di concubinato, la espone all'adulterio e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio».

Avete anche inteso che fu detto agli antichi: Non spergiurare, ma adempi con il Signore i tuoi giuramenti; ma io vi dico: non giurate affatto: né per il cielo, perché è il trono di Dio;  né per la terra, perché è lo sgabello per i suoi piedi; né per Gerusalemme, perché è la città del gran re. Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello. Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno».

 

sangiuseppe

Parrocchia “S. Giuseppe”

Sibari

Viale magna grecia, 1 – 87011 Cassano all’Ionio (CS) – Tel. 098174014

________________________________________

“in-formati”

Foglio settimanale parrocchiale

di formazione e informazione

12 – 19 febbraio 2017

________________________________________________________________________________________________________________________

camminando insieme

SAN GIUSEPPE 2017:

SIBARI RISCOPRA IL PROPRIO ESSERE “COMUNITÀ” E CIASCUNO SI SENTA CHIAMATO AD ESSERE “CUSTODE” DELL’ALTRO

Quest’anno, anche alla luce del “Progetto pastorale diocesano”, che stiamo leggendo insieme in queste settimane, desideriamo dare alla Festa di San Giuseppe un segno particolarmente unitario e desideriamo partire dalle “periferie” della nostra Comunità parrocchiale, così frammentaria e frammentata.

Tali “periferie” sono senz’altro le Contrade della nostra Parrocchia.

Perciò, dopo aver consultato gli organismi parrocchiali di partecipazione, si è pensato di fare la proposta che sarà qui di seguito esposta:

Ogni domenica, a partire da domenica 19 febbraio, una Contrada della Parrocchia sarà invitata a partecipare e, in qualche modo, ad animare la Santa Messa delle ore 11:00.

Al termine della Celebrazione, ad alcuni rappresentanti della Contrada sarà consegnata la “statuetta pellegrina” di San Giuseppe.

Durante la settimana, la statuetta “peregrinerà” simbolicamente in quella Contrada e le diverse famiglie si raduneranno, ogni giorno, per pregare insieme.

Un giorno delle stessa settimana (quando sarà possibile il mercoledì) la Santa Messa sarà celebrata in quella stessa Contrada ed animata dai canti eseguiti dal coro parrocchiale.

La domenica successiva, la Contrada, alla quale era stata consegnata la “statuetta pellegrina”, consegnerà, al termine della Santa Messa delle ore 11:00, la stessa immagine alla Contrada successiva.

Così, si procederà fino al giorno 15 marzo.

Il 16 marzo inizierà, poi, il Triduo di preparazione alla Festa, che sarà celebrato nella chiesa parrocchiale “San Giuseppe”.

Domenica 19 marzo, oltre alla Santa Messa presieduta dal nostro Vescovo Francesco, si terrà la processione e, nella serata, un momento comunitario di festa, realizzato grazie al contributo di tutti.

Lunedì 20 marzo, festa liturgica di San Giuseppe, la Santa Messa sarà celebrata nell’ultima Contrada, che riceverà la “statuetta pellegrina” proprio giorno 19 marzo.

Le contrade riceveranno la “statuetta pellegrina” secondo il seguente ordine:

-         Domenica 19 febbraio: Contrada Murate;

-         Domenica 26 febbraio: Contrada Pantano Rotondo;

-         Domenica 5 marzo: Contrada Tre Ponti;

-         Domenica 12 marzo: Contrada Spadelle;

-         Domenica 19 marzo: Contrada Fuscolara (dove sarà celebrata la Santa Messa della festa liturgica di San Giuseppe, il 20 marzo).

L’auspicio, che poniamo sotto il “manto” del nostro amato San Giuseppe, è di riscoprirci, diventare ed essere un’autentica Comunità cristiana, dove ciascuno sia “custode” di Gesù, attraverso la reciproca “custodia” fraterna.

Buon cammino a tutti.

Il Parroco, il CPP e il CAEP

Custodiamoci nella preghiera reciproca! Buona domenica a tutti!

                                               don Michele

Riflettiamo “insieme” sulla Parola di Dio della Domenica

12 Febbraio 2017

VI Domenica del Tempo Ordinario – A

(Sir 15,15-20; Sal 118; 1Cor 2,6-10; Mt 5,17-37)

Ad una lettura superficiale e slegata dal contesto, la pagina del Vangelo, che ascoltiamo in questa domenica, potrebbe sembrare talmente esigente da risultare quasi impraticabile.

L’interpretazione della legge mosaica fatta da Gesù, interpretazione che non abolisce ma che porta a compimento, infatti, appare molto più radicata ed esigente dei comandamenti del decalogo: «Chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna. Chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel proprio cuore. Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geènna. E se la tua mano destra ti è motivo di scandalo, tagliala e gettala via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geènna».

Questa “legge”, poi, sembra gravare sulle deboli spalle di persone già particolarmente fragili, quei quattro pescatori arenati sulla riva del mare, che già faticavano e stentavano a vivere!

Pescatori che ci assomigliano molto, nelle debolezze e nei fallimenti, negli scoraggiamenti e nella fatica di portare il peso delle nostre fragilità.

Anche noi, come di fatto tante volte facciamo, pensiamo che questa pagina sia “troppo”: troppo esigente, troppo impegnativa, troppo distante dalla nostra quotidianità ... diciamolo pure: un insieme di belle parole, davvero belle, ma davvero troppo lontane da noi ... impraticabili!

Ma se fossero davvero così troppo distanti da noi, se fossero impraticabili, Gesù, che conosceva bene le fragilità e i limiti dei quattro pescatori e che conosce bene le nostre fragilità e i nostri limiti, sarebbe stato davvero “folle” a fare tali affermazioni esigenti e radicali!

Eppure, se le ha fatte, se continua a ripetere per ciascuno di noi “avete inteso che fu detto ... ma io vi dico”, è perché sono davvero “praticabili”, sono davvero “possibili”!

A renderle praticabili e possibili però dev’essere da una parte la nostra “buona volontà”, come si legge nel Libro del Siracide: «Se tu vuoi, puoi osservare i comandamenti; l’essere fedele dipende dalla tua buona volontà».

Prima del nostro sforzo, tuttavia, poiché, nonostante il nostro impegno e la nostra volontà, umanamente restiamo deboli e fragili, resta il suo invito a seguirlo, cioè a “stare con Lui”, a frequentarLo, a praticarLo, a lasciarci amare da Lui: è il suo amore la palestra in cui il nostro cuore viene allenato per diventare simile al Suo!

Il contesto dell’interpretazione che Gesù fa del decalogo mosaico, infatti, è quello della chiamata a seguirLo, a stare con Lui: è Lui che “ci farà diventare”, al di là e oltre ogni nostro sforzo.

Certo, la nostra volontà, come ci ha ricordato il Libro del Siracide, dev’essere determinata, ma sarà il Suo Amore, la Sua Grazia, a dare compimento a ogni nostro sforzo e ogni nostro impegno di bene!

Perché, come ha ricordato l’Apostolo Paolo, scrivendo ai Corinti: «Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, Dio le ha preparate per coloro che lo amano» ... e a coloro che amano Dio e si lasciano amare da Lui davvero tutto è possibile!

Signore, aiutaci a seguirTi, ad amarTi, a lasciarci amare da Te, perché a Te tutto è possibile, come sarà tutto possibile anche a coloro che Ti amano e si lasciano amare da Te!

Amen.

AVVISI

- LUNEDÌ 13 FEBBRAIO, ALLE ORE 17:30, NELLA CHIESA “SANT’EUSEBIO” SARÀ MESSA LA S. MESSA IN ONORE DELLA B. V. MARIA DI LOURDES E SARÀ AMMINISTRATO IL SACRAMENTO DELL’UNZIONE DEGLI INFERMI AGLI AMMALATI E AGLI ANZIANI DELLA PARROCCHIA.

- MARTEDÌ 14 FEBBRAIO SI TERRÀ NELLA NOSTRA PARROCCHIA LA GIORNATA DIOCESANA DELLA LETIZIA E DELL’AMORE, SECONDO IL PROGRAMMA DIFFUSO. LA S. MESSA DELLE ORE 18:30 SARÀ PRESIEDUTA DAL NOSTRO VESCOVO FRANCESCO.

- DOMENICA 19 FEBBRAIO INIZIEREMO LA PREPARAZIONE ALLA FESTA DI SAN GIUSEPPE. UN’ATTENZIONE PARTICOLARE SARÀ RISERVATA AL COINVOLGIMENTO DELLE DIVERSE CONTRADE DELLA PARROCCHIA, PERCHÉ SIA DAVVERO UN MOMENTO DI FESTA PER TUTTI. DOMENICA 19, AL TERMINE DELLA S. MESSA DELLE ORE 11:00, LA STATUETTA “PELLEGRINA” DI SAN GIUSEPPE SARÀ CONSEGNATA ALLA C.DA MURATE.


DOMENICA 12 FEBBRAIO verde

Ë VI DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Liturgia delle ore seconda settimana

Sir 15,15-20; Sal 118; 1Cor 2,6-10; Mt 5,17-37

Beato chi cammina nella legge del Signore

Ore 8,30 – Chiesa “S. Giuseppe”: S. MESSA

Def. Saverio, Luigi

ORE 17,30 – CHIESA “S. EUSEBIO”: S. MESSA

Def. Emilio, Rosina

LUNEDI’ 13 FEBBRAIO verde

Liturgia delle ore seconda settimana

Gen 4,1-15.25; Sal 49; Mc 8,11-13

Offri a Dio come sacrificio la lode

Ore 17,30 – CHIESA “S. EUSEBIO”: S. MESSA

Def. Nino

MESSA VOTIVA DELLA B.V.M. DI LOURDES

E AMMINISTRAZIONE DEL SACRAMENTO DELL’UNZIONE AGLI AMMALATI E ANZIANI

MARTEDI’ 14 FEBBRAIO bianco

Ss. CIRILLO e METODIO – patroni d’Europa
Festa

Liturgia delle ore propria

At 13,46-49; Sal 116; Lc 10,1-9

Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo

Ore 17,30 – Chiesa “S. Giuseppe”: S. MESSA

Def. Guerino

GIORNATA DIOCESANA

DELLA LETIZIA E DELL’AMORE

Ore 18,30 – CHIESA “S. EUSEBIO”: S. MESSA

Ore 19,30 – SALA CONVEGNI:

FESTA DI SAN VALENTINO

MERCOLEDI’ 15 FEBBRAIO verde

Liturgia delle ore seconda settimana

Gen 8,6-13.20-22; Sal 115; Mc 8,22-26

A te, Signore, offrirò un sacrificio di ringraziamento

Ore 16,30 – CHIESA “S. EUSEBIO”: S. MESSA

Def. Francesco (trigesimo)

Ore 17,30 – CHIESA “S. EUSEBIO”: S. MESSA

Def. Leonardo, Maria

GIOVEDI’ 16 FEBBRAIO verde

Liturgia delle ore seconda settimana

Gen 9,1-13; Sal 101; Mc 8,27-33

Il Signore dal cielo ha guardato la terra

2° GIOVEDÌ DI SANTA RITA

Ore 15,30 in poi – “S. Giuseppe”: CATECHISMO

Ore 16,30 – Chiesa “S. Giuseppe”: S. MESSA

Def. Vincenzo (trigesimo)

Ore 17,30 – Chiesa “S. Giuseppe”: S. MESSA

Def. Antonio, Lucia

Ore 18,00 – Chiesa “S. Giuseppe”:

ADORAZIONE EUCARISTICA

VENERDI’ 17 FEBBRAIO verde

Liturgia delle ore seconda settimana

Gen 11,1-9; Sal 32; Mc 8,34 - 9,1

Beato il popolo scelto dal Signore

Ore 15,00 – Chiesa “S. Giuseppe”:

PREGHIERA NELL’ORA DELLA MISERICORDIA

Ore 15,30 in poi – “S. Giuseppe”: CATECHISMO

Ore 17,30 – CHIESA “S. EUSEBIO”: S. MESSA

Def. Domenico

SABATO 18 FEBBRAIO verde

Liturgia delle ore seconda settimana

Eb 11,1-7; Sal 144; Mc 9,2-13

O Dio, voglio benedire il tuo nome in eterno

Ore 8,30 – Chiesa “S. Giuseppe”: S. MESSA

Def. Domenico

Ore 15,30 in poi – “S. Giuseppe”: CATECHISMO

Ore 17,30 in poi – “S. Giuseppe”:

GIOVANISSIMI E GIOVANI

DOMENICA 19 FEBBRAIO verde

Ë VII DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Liturgia delle ore terza settimana

Lv 19,1-2.17-18; Sal 102; 1Cor 3,16-23; Mt 5,38-48

Il Signore è buono e grande nell’amore

Ore 8,30 – Chiesa “S. Giuseppe”: S. MESSA

Def. Francesco (1° anniversario)

ORE 11,00 – CHIESA “S. EUSEBIO”: S. MESSA

Pro populo SAN GIUSEPPE ALLA C.DA MURATE

ORE 17,30 – CHIESA “S. EUSEBIO”: S. MESSA

Def. Costanza, Carmela

Ultime Notizie

Quanto accaduto a Pisa l'altro ieri é semplicemente ignominioso. Mi ricorda tanto gli anni in cui in tutta Europa le...
La previsione di Firenze dell'ultimo suggerimento di Dominik ha pagato con l' estratto 23 ed ha portato un po'...
Anche quest’anno, per conservare la memoria della Shoah, si è celebrata la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione del concorso artistico...
AD ALESSANDRIA DEL CARRETTO NASCE IL MUSEO ALESSANDRINO DELLE MASCHERE Nasce ad Alessandria del Carretto, nel cuore del Parco Nazionale del...
Giovedì 22 l’incontro del M5S a Corigliano Rossano Insieme a Tridico saranno presenti Baldino, Ferrara, Orrico, Scutellà e Tavernise “SUD, LAVORO, EUROPA” Queste...

Please publish modules in offcanvas position.