Questo sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza d'uso delle applicazioni. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su info. Continuando a navigare o accettando acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Un incontro a Guardia Piemontese e un monito del Papa

guardia2.jpgLunedì scorso sono stato a Guardia Piemontese invitato dal pastore della Chiesa Evangelica Valdese di Catanzaro dott. Jens Hansen. Si è trattato di una manifestazione che vedrà il suo culmine il 5 giugno per commemorare il tremendo eccidio per troppo tempo dimenticato a danno della comunità Valdese, avvenuto, appunto, il 5 giugno del 1561. Uno dei massacri più terribili della nostra storia che vide da un lato gli sterminatori assassini e cattolicissimi calabro-spagnoli e dall'altro un gruppo di inermi semplici "cristiani"  seguaci di Pietro Valdo, che obbligati a trasferirsi  in massa in Calabria dal natìo Piemonte, chiusi in cima a quel colle, dove ora sorge il paesino, in quella terribile notte furono letteralmente trucidati in più di mille. Dalla "Porta del Sangue" (così chiamata perchè il sangue che scorreva dal luogo del massacro usciva dal paesino in un rigagnolo proprio da quel luogo) e dopo una breve cerimonia di saluto nel piccolo Museo, per le vie del centro storico si è snodata una sfilata con due belle ragazze in costume da sposa valdostano del '500, seguite da un numeroso gruppo di anziani facenti parte di un'associazione della terza età presente in molti paesi dell'area tirrenica che portavano una sciarpa di lana lunga ben 110 metri confezionata a maglia dai membri dell'associazione a significare l'unione nell'Amore.

guardia3.jpgDopo la sosta di meditazione davanti alla “Roccia di Val Pellice”, la grande lastra alpina trasportata a Guardia Piemontese nel 1975 e che indica il preciso luogo dell’ex Chiesa Valdese, in memoria delle antichi origini, la processione si è conclusa nella sala municipale dove i partecipanti hanno potuto degustare un ricco "rinfresco" a base di un'ottima "pasta e fagioli" con una serie di ottimi prodotti locali e il tutto innaffiato da buon vino casereccio. Una giornata "della memoria" molto particolare di cui tutti i calabresi dovrebbero farsi carico e rendersi partecipi e che certamente non dimenticherò. Il pastore Jens Hansen, teologo tedesco, mi ha promesso che sarebbe disposto a venire dalle nostre parti per un convegno su argomenti di natura religiosa nel rispetto delle diversità di culto, per unire non certo per dividere.

A tal proposito ricordo che recentemente Papa Francesco ha partecipato al "Sinodo Ortodosso"  per "Camminare insieme per aiutare i fratelli a vedere Gesù" ed in quell'occasione ha ricordato che “la fraternità di sangue precede e sostiene i cristiani come una silenziosa corrente vivificante. Essa ci chiama a non prendere le distanze dal fratello che la condivide”.

Di questa visita del Papa e di altre notizie riguardanti la Fede Cristiana Cattolica in Calabria trovate commenti e articoli nel numero di Giugno del Periodico Comunità Nuova edito dall'Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace che pubblichiamo in allegato.

A.M.Cavallaro

 

Attachments:
Download this file (CN Giugno 2019.pdf)CN Giugno 2019.pdf[ ]7933 kB

Ultime Notizie

Non è che vogliamo fare a tutti i costi i rompiscatole, ma nel leggere il comunicato che segue apprendiamo che...
Il sindaco del Comune di Frascineto, Angelo Catapano, in occasione della stagione estiva, al fine di garantire l'igiene pubblica e...
L’Amministrazione comunale di Villapiana è vicina, ancora una volta con spirito solidale, alle esigenze delle famiglie che vivono delle fragilità,...
Associazione Laghi di Sibari: approvato il Consuntivo 2019 Il Bilancio attesta conti ordine ed accelerazione nel recupero delle morosità Intanto causa Covid...
Proteggiamo i nostri anziani. La Polizia di stato comunica che in questo periodo, sfruttando il periodo di emergenza sanitaria causato...

Please publish modules in offcanvas position.